L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Saturday, Sep 21st

Ultimo aggiornamento:09:00:00 PM GMT

Tu sei qui: BLOG RegalPetraLibera - Sergio Scimè

I migliori Blog della provincia di Agrigento

REGALPETRA LIBERA ((( blog Racalmuto)))

regalpetra@libero.it ---sergioscime@virgilio.it
  • Blog in aggiornamento, seguiteci nella pagina facebook "Regalpetra libera Racalmuto"
    Blog in aggiornamento, seguiteci nella pagina facebook "Regalpetra libera Racalmuto".

    https://www.facebook.com/regalpetralibera/?ref=settings
    http://www.facebook.com/home.php?#!/profile.php?ref=profile&id=100000704814592


  • Sciascia scrittore "scomodo"
    Molto infastidiva Sciascia l'essere considerato un «mafiologo»: «Sono semplicemente uno che è nato, è vissuto e vive in un paese della Sicilia occidentale e ha sempre cercato di capire la realtà che lo circonda, gli avvenimenti, le persone» diceva. Così come lo infastidiva quell'«intuizione di letterato» che, nel migliore dei casi, gli veniva attribuita allorché scagliava taglienti ed eretiche verità contro il «folclore tenebroso» in cui venivano di solito assunti i fatti di mafia. Tirare il collo alla retorica e alla mistificazione, questo gli premeva. E regolarmente i suoi articoli scatenavano furenti polemiche - se non l'accusa, infamante, di fare «il gioco della mafia». Sicché non gli restava che citare l'amato Savinio: «avverto gli imbecilli che le loro proteste cadranno ai piedi della mia gelida indifferenza». Il fatto è - come dimostrano gli interventi qui radunati, fra cui quello sui 'professionisti dell'antimafia' - che Sciascia è lo scrittore italiano cui più che a ogni altro si attaglia l'aggettivo «scomodo»: che prenda posizione sulla morte di Calvi o sull'assassinio del generale Dalla Chiesa o sul caso Tortora o sul maxiprocesso di Palermo e sulle testimonianze di Buscetta e Contorno o, infine, sul rischio che l'antimafia si trasformi in strumento di potere, non potremo che riconoscere fino a che a punto sia rimasto fedele alla definizione che nel 1977 dava dell'intellettuale: «uno che esercita nella società civile ... la funzione di capire i fatti, di interpretarli, di coglierne le implicazioni anche remote e di scorgerne le conseguenze possibili. La funzione, insomma, che l'intelligenza, unita a una somma di conoscenze e mossa - principalmente e insopprimibilmente -dall'amore alla verità, gli consentono di svolgere». 
    https://www.ibs.it/a-futura-memoria-se-memoria-libro-leonardo-sciascia/e/9788845931499
    http://www.facebook.com/home.php?#!/profile.php?ref=profile&id=100000704814592


  • Leonardo Sciascia, A futura memoria
    «E direi che il dato più probante e preoccupante della corruzione italiana non tanto risieda nel fatto che si rubi nella cosa pubblica e nella privata, quanto nel fatto che si rubi senza l'intelligenza del fare e che persone di assoluta mediocrità si trovino al vertice di pubbliche e private imprese. In queste persone, la mediocrità si accompagna ad un elemento maniacale, di follia, che nel favore della fortuna non appare se non per qualche innocuo segno, ma che alle prime difficoltà comincia a manifestarsi e a crescere fino a travolgerli. Si può dire di loro quel che D'Annunzio diceva di Marinetti: che sono dei cretini con qualche lampo d'imbecillità: solo che nel contesto in cui agiscono l'imbecillità appare - e in un certo senso e fino a un certo punto è - fantasia. In una società bene ordinata non sarebbero andati molto al di là della qualifica e mansione di "impiegati d'ordine"; in una società in fermento, in trasformazione, sarebbero stati subito emarginati - non resistendo alla competizione con gli intelligenti - come poveri "cavalieri d'industria; in una società non-società arrivano ai vertici e ci stanno fin tanto che il contesto stesso che li ha prodotti non li ringoia.» 
    Leonardo Sciascia, A futura memoria

    http://www.facebook.com/home.php?#!/profile.php?ref=profile&id=100000704814592


  • Racalmuto AVE O MARIA di Salvatore Modica. Preghiera alla Madonna del Monte (Video)

    Racalmuto AVE O MARIA di Salvatore Modica. Preghiera alla Madonna del Monte (Video)


    http://www.facebook.com/home.php?#!/profile.php?ref=profile&id=100000704814592


  • Racalmuto, incontro alla Fondazione: assente la nuova e giovane classe dirigenziale del paese. Considerazioni dei consiglieri della Lista Siamo Racalmuto

    I consiglieri della Lista Siamo Racalmuto

    Molto interessante il convegno tenutosi ieri alla Fondazione Sciascia organizzato dai nostri giovani e rivolto ai giovani.
    Il tema della santità, oggetto dell'incontro, è stato trattato sapientemente dai relatori ospiti e da due ragazze, di cui una studentessa di Racalmuto, che hanno dato testimonianza delle loro scelte di vita.
    La sala era quasi piena, presenti il sindaco e l'assessore alla cultura, ma certamente è saltata all'occhio l'assenza della nuova e giovane classe dirigenziale del paese!
    I giovani vanno seguiti e incoraggiati in tutti gli ambiti e nella pienezza della loro quotidianità!
    Il fracasso e il rumore non possono di certo nascondere o minimizzare le attività che silenziosamente i nostri ragazzi portano avanti.
    Hanno organizzato un convegno sulla Santità, si è parlato di scelte coraggiose e di non-rinunce, in un momento in cui i sentimenti di odio, di razzismo, di sconforto e di paura per il futuro, regnano tra le nuove generazioni.
    Ci sentiamo di dover ringraziare tutti questi ragazzi, i relatori, l'Azione Cattolica Diocesana, il Centro per i Giovani, don Gero Manganello, Martina Sardo e tutti coloro che hanno contribuito all'organizzazione e alla buona riuscita dell'evento.
    Evento che peraltro si affianca alla manifestazione dell'8 Maggio, che ha popolato la nostra piazza e ha fatto rivivere magicamente il paese per una lunga serata.
    Qui però, i giovani politici, hanno voluto calcare la scena, ritenendola forse più importante.
    Ma a Racalmuto ci conosciamo tutti, e tutti sanno che dietro l'ottima riuscita dell'evento c'è stato tanto impegno, e tanto lavoro, oltre che una buona dose di dispiaceri, da parte delle associazioni coinvolte, Cero dei Burgisi e Pro Loco, che meritano un grande ringraziamento nelle persone dei loro presidenti Rosario Canicattì e Andrea Sciascia.
    Rinnoviamo l'invito ai giovani, che sono stati protagonisti indiscussi della campagna elettorale, a mantenere la sana passione politica, che valorizza ogni aspetto della società civile e va oltre ogni forma di apparenza.
    I Consiglieri della Lista Siamo Racalmuto
    http://www.facebook.com/home.php?#!/profile.php?ref=profile&id=100000704814592


  • Racalmuto: "Giovani chiamati alla Santità" incontro organizzato dall'Arcidiocesi di Agrigento.
    Domani, 10 maggio, alle ore 18,00, presso la Fondazione "Leonardo Sciascia" di Racalmuto, si terrà l'incontro dal titolo "Giovani chiamati alla Santità", organizzato dall'Azione Cattolica della Diocesi di Agrigento, in collaborazione con il Centro Diocesano per i Giovani, l'Associazione Centro di Bioetica "Evangelium Vitae", l'Associazione "Dino Varisano", il Comune di Racalmuto e la Fondazione "Leonardo Sciascia", con la partecipazione dell'Agesci Gruppo Scout Racalmuto 1.
    Si tratterà di un percorso tematico accompagnato dalla testimonianza di vita di Dino Varisano, Giovane di Azione Cattolica.
    Dopo i saluti  iniziali a cura di Vincenzo Maniglia, Sindaco di Racalmuto e Presidente della Fondazione "Leonardo Sciascia", Don Diego Martorana, Parroco dell'U.P. Maria SS. Annunziata - B.M.V. del Carmelo di Racalmuto, Maurizio Varisano, Presidente dell'Associazione ONLUS "Dino Varisano" e Salvatore Scibetta, Presidente Diocesano di Azione Cattolica, interverranno Don Gero Manganello, Direttore del Centro per i Giovani dell'Arcidiocesi di Agrigento, Giovanni Tesè, Docente di Diritto e Presidente dell'Ac interparrocchiale "San Paolo VI" di Naro, Giulia Farrauto, Giovane dell'Agesci Gruppo Scout Racalmuto 1 e Sara Ripellino, Consigliere Diocesano di Azione Cattolica per il Settore Giovani.
    Il percorso tematico sarà intervallato dagli interventi musicali musicali delle scuole di Canto "Venus", della maestra Anita Palumbo e "Arte Canto" della maestra Cecilia Capitano.
    A moderare l’incontro sarà Enzo Di Natali, Presidente dell'Associazione Centro di Bioetica "Evangelium Vitae", mentre le conclusioni saranno a cura di Don Gero Manganello.
    I giovani, le istituzioni scolastiche, le realtà associative e parrocchiali e la cittadinanza tutta è invitata a prendere parte a questo momento di dialogo sul mondo dei giovani e del loro cammino verso la santità.
    http://www.facebook.com/home.php?#!/profile.php?ref=profile&id=100000704814592


  • Racalmuto, gli assessori della giunta Maniglia

    Al completo la giunta del sindaco Maniglia, un solo volto nuovo l'assessore Maria Iacono, gli altri hanno già svolto ruoli nelle precedenti amministrazioni. Enzo Sardo sindaco negli anni ottanta e vicesindaco per un breve periodo con Petrotto, Antonio Lauricella e Giovanni Mattina sono stati in giunta nel terzo mandato sempre con Petrotto. Buon lavoro!
    http://www.facebook.com/home.php?#!/profile.php?ref=profile&id=100000704814592


  • Racalmuto: "8 maggio in festa", eventi da ripetere
    La foto pubblicata su facebook da diversi racalmutesi ritrae l'evento "8 maggio in festa" organizzato in piazza Castello dalla Pro loco, dall'associazione Cero dei burgisi, dai ristoratori baristi e pasticcieri in collaborazione con il Comune di Racalmuto. Durante la manifestazione si è svolta la fiaccolata dell'amicizia e l'esibizione di gruppi musicali.
    http://www.facebook.com/home.php?#!/profile.php?ref=profile&id=100000704814592


  • Pallottoliere saggio: mi aspettavo un esito diverso dalle ultime elezioni comunali a Racalmuto

    Pallottoliere saggio

    Voglio essere sincero: mi aspettavo – e auspicavo – un esito diverso delle ultime elezioni comunali a Racalmuto. Alcuni mi sorrideranno beffardamente beandosi del risultato, altri malinconicamente disillusi concorderanno. Tra l’altro, viste le percentuali di voto, la ripartizione sarà quasi alla pari.  
    Il sindaco, pur godendo di limitata fiducia, alla fine tenterà di amministrare e, soprattutto, di soddisfare esigenze di squadra, con le due cose che, inevitabilmente, finiranno per andare di pari passo.
    Certo, un po’ dispiace vederlo esordire, in contegni e vestiari che poco gli si addicono, già esautorato delle inderogabili e rituali prerogative funzionali in favore di quelli che i racalmutesi di lunga (e anche corta) memoria amano definire appartenenti alla “vecchia politica”.
    Ma niente pessimismi. Non ritengo persa l’occasione e non mi schiererò con chi continua a parlare di un paese che non vuole cambiare o che addirittura non cambierà mai. Sull’argomento c’è gente che si ostina a discutere e polemizzare senza stabilire a priori regole sul gioco del cambiamento.
    Se il popolo è sovrano, il popolo decide di avere questo sindaco e il discorso è chiuso. Avvicinamenti, alleanze, raccordi tra “ pupi e pupari” possono rinnovarsi costantemente e mettere alla prova nuovi e vecchi equilibri politici, disarcionando storiche famiglie elettrici e riproponendo dissimili contesti da presentare al vaglio elettorale.
    Forse è meglio ripartire così, con la politica al femminile – probabilmente non ancora pronta a sostenere le malaugurate sorti di un paese e, soprattutto, a esserne sostenuta – che riparte da solide fondamenta e non da irrecuperabili e disastrose rovine. Per come sono andate le cose, il sindaco donna merita solo un rinvio e un rapido riscatto, così da potersi evocare a breve il coraggio passionario, l’ardore e l’orgoglioso seppur parziale successo di una donna straordinaria.

                                                             Pallottoliere saggio
    http://www.facebook.com/home.php?#!/profile.php?ref=profile&id=100000704814592


  • Bologna: Borsa di studio Salvatore Martorana, 8 maggio concerto dei finalisti

    Bologna: Borsa di studio Salvatore Martorana, 8 maggio concerto dei finalisti
    http://www.facebook.com/home.php?#!/profile.php?ref=profile&id=100000704814592