Valorizzare vecchi tracciati ferrovia, emendamento del consigliere Masone

Stampa

Al Bilancio della Provincia, ripresentato dall’Amministrazione nelle scorse settimane, il Consigliere Maurizio Masone del PD ha riproposto alcuni emendamenti.
In particolare, tra gli altri emendamenti, sono state presentate due proposte per l’istituzione di nuovi capitoli:

1) il primo per un bando capace di raccogliere proposte di valorizzazione e sviluppo delle aree dismesse dalle Ferrovie dello Stato, dei vecchi tracciati abbandonati e per la valorizzazione di tratte funzionanti dal valore storico e turistico.

In particolare in provincia di Agrigento esiste una tratta ferroviaria come l’Agrigento – Porto Empedocle che ha una lunghissima storia che s’intreccia con quella delle nostre comunità legate alla produzione mineraria. Oggi è una delle tratte di valore turistico tra le più importanti della Sicilia e che esiste un associazionismo legato alla valorizzazione delle tratte ferroviarie turistiche e alla valorizzazione museale della storia delle ferrovie siciliane.

2) Il secondo riguarda la celiachia, che in provincia di Agrigento è un fenomeno abbastanza diffuso nella popolazione e che nel Bilancio 2012 risulta del tutto inesistente. La proposta è per uno stanziamento utile ad una campagna di informazione, prevenzione e sostegno alle famiglie interessate.

3) Il terzo riguarda invece l’adeguamento delle risorse finanziarie disponibili per il servizio igienico-personale degli studenti con handicap fisico o psichico grave. Questo è uno dei servizi fondamentali forniti dalla Provincia e che ogni anno presenta difficoltà nel completamento dell’anno solare e/o scolastico.
Non è stato ripresentato l’emendamento per il finanziamento dei teatri della nostra provincia in quanto gli uffici hanno ritenuto la proposta inaccoglibile.

Infine, il consigliere Masone ha sottoscritto l’emendamento unitario sui lavoratori Precari della Provincia Regionale per l’aumento dell’orario di lavoro e il relativo adeguamento economico.

Gli emendamenti sono al vaglio degli uffici tecnici e finanziari nonché dei revisori dei conti.