Fondi europei per strategia antidroga e antidipendenza

Stampa

Concentrare i fondi europei per una rinnovata strategia Antidroga e antipendenza (alcol, tabacco e gambling). Questo l'obiettivo di valutazione e verifica del Piano Antidroga europeo 2005/2012 per indirizzare il nuovo piano 2013/2020 verso obiettivi di salute in linea con le attese della popolazione europea.

Nel gruppo di esperti che avrà il compito di procedere alle predette attività l’unico parlamentare europeo è un italiano, il Vicepresidente della Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni, Salvatore Iacolino.

E’ un impegno serio – afferma l’on Salvatore Iacolino - che servirà a rilanciare un ampio dibattito parlamentare su un fenomeno – quello delle tossicodipendenze – che riassume le difficoltà – soprattutto giovanili – di una società in crisi.
E’ una patologia della modernità – quella delle tossicodipendenze – che spesso si unisce ad altre dipendenze (alimentari, alcol, tabacchi, internet, gambling, facebook) in grado di condizionare scelte ed orientamenti della persona.

Coordinare le attività fra i commissari competenti e rendere coerente il flusso informativo proveniente dagli Stati membri può determinare - unitamente al rafforzamento delle attività di prevenzione e riabilitazione – lo sviluppo del nuovo Piano 2013/2020 che riconosca l’ esigenza di un cambiamento della strategia europea. Una strategia per combattere tutte le dipendenze e che guardi al cittadino – prima che al paziente – per liberare flussi finanziari che diano valore aggiunto alle progettualità degli Stati membri”.