La promozione in D vista dal tifoso PAOLINI

Stampa

Sono partito auspice del bel tempo. Le webcam su Palermo riflettevano un cielo azzurro e illuminato. Era la Nostra giornata e nessuno poteva mancare a questo appuntamento con la Storia.
Di sorci verdi nemmeno l'ombra, piuttosto petali di rosa. Una partita vinta con la prepotenza della Capolista, con due zampate di due grandi campioni dell'Eccellenza Italiana. Solo un piccolo fastidio il Monreale, sull'orlo del baratro della retrocessione in promozione, una squadretta di ragazzini che giocavano a fare i duri e un pubblico di poche anime, per lo più i pulcini di qualche vivaio. Insomma ancora la periferia siciliana, quella senza passioni e senza mordente, la mattina e la sera sempre uguali. La Promozione, e ancora meno, mi sembra il posto giusto per voi. Addio.

E' andata bene, ora siamo in serie D, finalmente è toccato a Noi, ce lo meritiamo. Non mi va di scrivere ancora, ma mi spetta solo di essere felice.

Per questa stagione calcistica termino qui, cosa potrei scrivere di più se non quest' ultimo congedo. Con tutti gli Altri, ho fatto il mio dovere di tifoso, ho seguito la mia Squadra in ogni dove e in ogni luogo, ho aspettato un tempo interminabile, solo 9 mesi esatti fa ho patito una delle più grandi delusioni della mia vita e ora gioisco e sono felice.

Ringrazio ultra vires questa fantastica Dirigenza, con in capo Silvio Alessi, per aver realizzato quel Sogno che credevamo svanito per sempre. Tutto quello che possiamo dire di loro è sempre in difetto rispetto al capolavoro che hanno compiuto. Dopo il 17 giugno scorso ricominciare daccapo come hanno ricominciato loro era una impresa davvero difficile e complessa ed invece hanno subito annunciato e promesso che non si davano per vinti e che avrebbero ritentato la scalata in D. La promessa è stata mantenuta, in questo momento non ricordo esempi tanto limpidi come quello che hanno dato Loro.

Saluto devotamente il Direttore Sportivo, Totò Catania, Mister Pino Rigoli e tutto il Suo Staff tecnico, davvero all'altezza della situazione. Un mix di logica, freddezza, esperienza e preparazione, una cabina di regia composta da straordinari interpreti del calcio moderno, un laboratorio dedito alla cura della perfezione, senza mai lasciarsi andare alle improvvisazioni. Il vero Governo Tecnico sono Loro.

Porgo ancora tutti i miei ringraziamenti ai giocatori dell'Akragas Calcio per le emozioni che ci hanno fatto provare e per aver gioito sempre, dopo ogni rete, sotto la postazione occupata da Noi tifosi akragantini, soprattutto nelle partite in trasferta. Non so se alcuni di Loro resteranno o andranno per la loro strada, ma il ricordo di questa stagione rimarrà sempre vivo nella memoria dei tifosi akragantini, vecchi e giovani, e questi ultimi racconteranno sempre a quelli che verranno dopo di loro di aver visto giocare sull'erba dell'Esseneto la seguente formazione: Russo, Parisi (Alletto), Vindigni, Fallea, Iannello (Morgana), Bonaffini, Pellegrino, Caci (Aprile), Arena, Criniti, Contino (Rosa), a disposizione dell'Allenatore, Gatto, Fregapane, Mazza ........

Ringrazio Enzo Nocera perché anche Lui ha perso il suo naturale aplomb dopo un goal dell'Akragas e si è messo a gridare al microfono come un telecronista sudamericano. Ma Nocera è diventato bravissimo e sfido chiunque a fare il nome di uno più bravo di Lui in Sicilia e anche di più. Anche questa è l'Akragas, un telecronista di una competenza assoluta.

Mi inchino davanti ai Fratelli Barresi perché, alla mia età, mi stanno facendo di nuovo divertire scrivendo dell'Akragas e per l'Akragas. Li ringrazio, Loro e Peppe Alletto, perchè pur avendo a disposizione risorse molto modeste hanno lo stesso compiuto grandissimi sacrifici sulle strade della Sicilia e sulla tastiera del web. A Loro dobbiamo di aver contribuito a mantenere intatto, se non l'hanno più realisticamente accresciuto, il Blasone della nostra Squadra. Sono il valore aggiunto di questo grande gruppo di dirigenti e giocatori, non ci sono dubbi. Sono ormai nel grande fiume della Storia dell'Akragas Calcio.

Infine, consentitemi di dire Grazie anche a Maurizio Capraro e a Francesco Nobile poichè la loro sconfinata passione per questa squadra mi fa sentire ancora più felice e allegro.

Ci vediamo in D sulla Gazzetta dello Sport. Un entusiastico Addio all'Eccellenza Siciliana.

Forza Akragas, sempre e comunque !