Mafia, Cutrò: "Valeria Grasso via dalla Sicilia è sconfitta"

Stampa

“Sapevo che prima o poi sarebbe successo, ma apprendere che Valeria Grasso è formalmente nel programma di protezione e che presto lascerà la Sicilia mi ha lasciato in uno stato di profonda frustrazione. Mi sento privato di una compagna di battaglie che è stata abbandonata e costretta a scappare da questa terra”. E’ con queste parole che Ignazio Cutrò, imprenditore antiracket di Bivona (AG), ha commentato la notizia che Valeria Grasso è entrata nel programma di protezione per i testimoni di giustizia e ha già lasciato la sua abitazione per essere trasferita in una località segreta.

“Con Valeria abbiamo affrontato tante battaglie, e l’ho sempre vista forte, quasi invincibile. Gli unici momenti in cui ho capito che stava soffrendo è stato quando ha capito di essere stata abbandonata da Confindustria, Addio Pizzo Palermo e Libero Futuro.

Ricordo ancora - continua l’imprenditore di Bivona - quando questa antimafia l’attaccò facendo intuire che era meglio non parlare perchè chissà cosa sarebbe venuto fuori dal passato di Valeria. Ora sono stati tutti smascherati: la procura di Palermo l’ha ritenuta testimone di giustizia fondamentale e ad imminente rischio di vita. Sarebbe bello che fossero loro ad andar via, non una vera paladina della legalità come Valeria”.