L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Saturday, Sep 21st

Ultimo aggiornamento:09:00:00 PM GMT

Tu sei qui: CRONACA LOCALE Nota stampa dell’on. Brandara sull’aggressione dei poliziotti a Favara

Nota stampa dell’on. Brandara sull’aggressione dei poliziotti a Favara

E-mail Stampa PDF

Nota stampa dell'on. Brandara sui gravi fatti di Favara che hanno visto protagonisti in negativo dei giovani studenti favaresi rei di aver colpito con pietre e quant'altro auto della Polizia dopo un corso di legalità tenuto poco prima nell'istituto alberghiero.

"In riferimento al gravissimo gesto", dichiara l'on. Brandara "con l’aggressione verbale, che ha avuto come bersaglio i poliziotti delle Volanti e il dirigente Stefania Marino, da parte degli studenti dell’istituto alberghiero Ambrosini di Favara, intendo esprimere il mio profondo sdegno per l’accaduto e i sensi della più totale solidarietà alla dottoressa Marino, agli agenti e allo stesso questore di Agrigento Girolamo Di Fazio. Si tratta di uno squallido tentativo di rappresentare un volto incivile della popolazione studentesca che non appartiene ad una realtà impegnata a difendere  e ad infondere la cultura della legalità come segno di speranza per lo sviluppo del territorio.
L’episodio non va assolutamente sottovalutato ma non deve contribuire a deprimere la stragrande maggioranza dei giovani che sotto la guida attenta dei docenti portano avanti la loro aspirazione a vivere in un paese migliore all’insegna della legalità.
In questo senso non bisogna dare soluzione di continuità a tutte quelle iniziative che vengono sviluppate all’interno degli Istituti scolastici per intercettare qualunque tentativo di fare prevalere la violenza sia pure solo a livello verbale.
Nel ribadire la mia solidarietà alla Polizia e a tutte le forze dell’ordine quotidianamente impegnate nel presidio della legalità in una terra certamente non facile, nel confermare il mio lusinghiero giudizio sull’eccellente lavoro che sta svolgendo la dott.ssa Marino, da quando si è insediata alla direzione della sezione volanti di Agrigento, auspico una maggiore intesa tra le primarie agenzie educative affinché episodi come questo non solo non abbiano a ripetersi ma che vengano isolati nel nostro contesto civile
".