L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Saturday, Sep 21st

Ultimo aggiornamento:09:00:00 PM GMT

Tu sei qui: ALTRE NOTIZIE NOTIZIE DALL'ITALIA Sonia Alfano: solidarietà a Callipo e Monteleone

Sonia Alfano: solidarietà a Callipo e Monteleone

Solidarietà ha espresso l'eurodeputato Sonia Alfano nei confronti del giornalista Monteleone per un vile atto intimidatorio subito.

"Esprimo tutta la mia vicinanza e solidarietà al giornalista Antonino Monteleone per il vile atto intimidatorio subito questa notte, nella speranza che la magistratura possa fare luce nel più breve tempo possibile". E' quanto afferma il deputato europeo di IdV e Presidente dell'Associazione Nazionale Familiari Vittime di Mafia in una nota. "Conosco Antonino da diversi anni e abbiamo condiviso numerose battaglie. So quanto si è speso per una regione difficile come la Calabria e per questo - prosegue - lo esorto a non demordere e continuare a dimostrare il suo valore, il suo coraggio e il suo alto senso civico". "Questo è il prezzo che si paga quando si lotta isolati. Il momento è molto delicato - conclude - e ognuno dovrà fare la propria parte se si vuole sconfiggere il cancro mafioso. Noi ci siamo".

Ancora solidarietà della Alfano a Pippo Callipo, vittima di un attacco hacker al suo sito web. "Voglio esprimere la massima solidarietà a Pippo Callipo per le minacce subite in un momento così delicato, augurandomi che la magistratura possa fare chiarezza al più presto" dichiara il deputato europeo dell'IdV Sonia Alfano. "La sua candidatura da molto fastidio e lo dimostrano sia la lettera minatoria ricevuta che l'attacco hacker alla sua pagina web" prosegue Sonia Alfano. "Non riusciranno a fermare il lavoro intrapreso, perchè Callipo è una persona seria e non si lascerà intimidire. Spero che possa avere tutto il sostegno possibile dai calabresi, perchè possa dimostrare che cambiare non è un'utopia. Continueremo a lottare per lo sviluppo di un Sud caduto nel baratro da ormai troppo tempo a causa delle commistioni tra la politica e la criminalità organizzata - conclude - se ne facciano una ragione".