L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Tuesday, Sep 17th

Ultimo aggiornamento:09:00:00 PM GMT

Tu sei qui: APPROFONDIMENTI INCHIESTE Tragedia di Favara: per il 40% dei lettori le responsabilità sono del sindaco Russello. Ecco i commenti

Tragedia di Favara: per il 40% dei lettori le responsabilità sono del sindaco Russello. Ecco i commenti

Si è chiuso con un dato certo il sondaggio del nostro sito su chi, secondo voi lettori, potesse avere avuto delle responsabilità sulla assurda tragedia di Favara.

Molte sono state le critiche susseguite e che abbiamo dovuto sorbirci in questi giorni a causa di questo democratico sondaggio. Alcuni politici ci hanno definito "sciacalli" per quello che per molti è stato un "vile attacco in un momento difficile" per la città di Favara. Non ci siamo piegati neanche a qualche vile telefonata anonima che ci proponeva una chiusura del sondaggio, sicuramente un caso isolato a cui non abbiamo dato importanza. Questo perchè abbiamo voluto solamente conoscere l'opinione di voi lettori su questa immane tragedia. Non riusciamo a comprendere le "paure" di alcuni sui dati che via via andavamo registrando. Ci sono due inchieste della Procura per accertare eventuali responsabilità, non saremmo certo noi comuni cittadini o noi giornalisti ad ereggerci a giudici di un qualcosa che è più grande di noi. Però abbiamo voluto dare la possibilità di farvi esprimere un pensiero, con un voto. I crudi dati del sondaggio hanno detto che per un 39,8% le responsabilità, semmai ce ne fossero, sono da attribuire al Sindaco Russello, reo per più di un terzo dei votanti di aver trascurato colpevolmente il centro storico di Favara. Per il 23% la colpa è "Di tutti", mentre per il 15,9% responsabili sono le "Vecchie Amministrazioni", il 9,7% dice il "Genio Civile", l'8% il proprietario dell'immobile, il 2,7% lo Iacp acronimo di Istituto Autonomo Case Popolari, mentre chiude con lo 0,9% la Protezione Civile.

Estrapoliamo alcuni commenti, ad esempio, inseriti negli articoli che in questi giorni di tristezza ed angoscia alcuni lettori hanno scritto su questo sito: "La cosa più grave è che c'è gente che difende queste amministrazioni" scrive Davide "dicendo che tutti i commenti negativi contro i politici sono frutto del tipico Agrigentino che non fa altro che denigrare e che per colpa del nostro carattere noi roviniamo la città. A me personalmente su Agrigento Web mi hanno tacciato di ignoranza e presunzione. Io invece dico che quello che è successo a Favara dimostra la realtà dei fatti, che brucia sia al politico che a 4 galoppini che prendono le difese dei loro favoreggiatori. E' tempo di liberarsi da questo tipo di politica clientelare causa di tutti i problemi che affliggono la nostra città e che la rendono all'ultimo posto come provincia d'Italia"; a Gaetano preme la situazione di Raffadali "La cosa che meraviglia è la faccia stupita di alcuni amministratori. Totalmente falsa. Tanti quartieri in tanti paesi della provincia crollano in continuazione. Nel mio, Raffadali , tutta la vecchia via canale è un susseguirsi di crolli, fino ad ora fortunatamente senza incidenti per le persone.Il Sindaco Cuffaro non lo sa? Certo che lo sa..ma tace. Questo avviene in tutti i comuni della provincia. Perchè sequestrare un immobile, per abbatterlo, vuol dire farsi nemici..e da noi, il "quieto vivere" vale molto di più della vita di chi poi paga le colpe degli amministratori. Finalmente abbiamo un buon vescovo..avremo mai buoni politici?"; "la politica è sporca" scrive Raffaellina "e purtroppo qualche volta addirittura sporca di sangue (come in questo caso) La giustizia Divina è sicura,,,ma è molto importante anche la giustizia terrena,, x scongiurare altri episodi del genere!!! ragazzi lavoriamo tutti x evitare il ripetersi di episodi simili e X INVITARE I POLITICI SENZA SCRUPOLI A RESTARE A CASA"; Vincenzo è sulla stessa lunghezza d'onda degli altri "Tutti i ns. politici, in quanto rappresentanti e difensori dei diritti e degli interessi del popolo, dovrebbere vergognarsi per quello che è successo e cercare di capire dove hanno sbagliato per evitare che simili tragedie si ripetano in futuro e non invece, come sto vedendo in questi giorni, di giustificarsi a vicenda".