L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Tuesday, Jun 27th

Ultimo aggiornamento:11:07:33 AM GMT

Tu sei qui: ALTRE NOTIZIE SPORT Paolini: "il ritorno del Gigante Pino Rigoli"

Paolini: "il ritorno del Gigante Pino Rigoli"

E-mail Stampa PDF

Non te ne sei mai andato ! Troppo repentino ed errato fu quell'addio, incomprensibile per tutti, sbagliato per tanti. Ritornano solo i Grandi, gli indimenticabili e i vincitori. Ma ritornano anche gli amici, quelli veri, quelli che non dimenticano e Tu non ci hai mai dimenticati. Quando sei venuto con l'Agropoli gli occhi ti luccicavano e Noi ti aspettavamo per applaudirti. Siamo stati per una settimana in ansia in vista della tua uscita dagli spogliatoi e finalmente ci sei riapparso e con Te tutti i nostri ricordi e i volti di quella squadra miracolosa.

In questi ultimi giorni sei stato una voce repressa, l'agonia del non poter dire. Oggi sei solo un <finalmente> <te ne metto mille mi piace> <questa è casa tua> <era ora, bentornato a casa>.
Ma dopo solo mezz'ora i <mi piace> sono già quasi Quattrocento e stasera saranno Mille, ma l'importante è che sei finalmente tornato. In quella panchina che è sempre stata Tua e dove tutti non hanno mai visto nessun altro.
Non so cosa succederà dopo, dico della squadra e del campionato. Sappiamo che sarà difficile, anche con Te, ma almeno, per ora, stiamo per ricucire lo strappo, siamo consapevoli che possiamo di nuovo rallegrarci. Che possiamo riprovarci.
Agrigento con Te è più allegra. Ricorderai che volevano intitolarti una strada, Rue Rigoli, l'avevano chiamata i più sofisticati, ma gli altri non erano da meno. Lo ricordi il coro "Pino Rigoli shalalalalalala" non l'abbiamo fatto più a nessuno. Ed anche una strada, non l'abbiamo voluta dedicare a nessuno, neppure un vicolo cieco, neanche il più sgarrupato cortile del centro storico.
Ci mancavi e basta. Anche la promozione in Lega Pro era Tua e di quella squadra lo avevi sempre detto che era vincente. E Noi ce ne siamo stati sempre zitti mentre godevamo delle nostre trasferte sfrenate e vittoriose.
Ora che sei ritornato hai l'occasione per restare tutto il tempo che vorrai. Ascolta il popolo akragantino e apri le porte dell'Esseneto. Domani ci vediamo allo Stadio e saremo di nuovo tanti. E saremo di nuovo il Gigante !
Con affetto, Paolini.