L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Thursday, Jun 29th

Ultimo aggiornamento:11:07:33 AM GMT

Tu sei qui: CULTURA ARTE L'agrigentino Marco Sodano vince il Leone d'Argento a Cannes

L'agrigentino Marco Sodano vince il Leone d'Argento a Cannes

Forse in pochi sanno che a Cannes non vengono premiati solo i migliori film in concorso, ma anche le migliori campagne pubblicitarie.

Infatti, dopo l’assegnazione dei prestigioso Leone a registi e attori, tocca, più in sordina, alle agenzie e ai loro spot.

E in pochissimi sapranno che l’Italia non ha vinto solo nella sezione Grand Prix col film Le meraviglie di Alice Rohrwacher. Infatti il 18 giugno scorso, Marco Sodano deve aver provato la stessa emozione della regista, quando gli è stato comunicato di aver vinto il Leone d’argento come art director per la Geometry Global di Hong Kong nella categoria Out door-Enterteinment and leisure.

Sodano è un brillante studente dello IED prossimo alla Laurea (deve sostenere la tesi) che ha saputo mettersi in evidenza nel web attraverso alcune campagne pubblicitarie unofficial ideate per noti brand internazionali e pubblicate nel sito Behance. Prima fra tutte proprio quella per il marchio Lego, che gli ha fatto ottenere il secondo posto a Cannes, riproducendo alla perfezione in modo digitale i mattoncini che, accostati, compongono 4 dei più famosi ritratti della storia dell’arte (Autoritratto di Van Gogh, Gioconda di Leonardo, American gothic di Wood e La grande guerra di Magritte).

È lui stesso a raccontarci, pieno di entusiasmo, come la sua vita sia cambiata da sei mesi a questa parte, arrivando al “sogno di Cannes”. Già contattato dalla casa danese per complimentarsi per la campagna All the children are authentic artists with LEGO (guarda la photogallery), Sodano – di cui aveva già parlato l’Huffington Post e la cui invenzione era stata erroneamente attribuita da un famoso quotidiano nazionale a un altro creativo straniero di minor talento - è stato cercato per collaborare da Kenny Blumenschein, direttore creativo della Geometry Global di Hong Kong, un’agenzia internazionale che ha sedi in tutti il mondo.

Dunque questa casa di comunicazione ha creduto nel nostro giovane pubblicitario e nella sua creatività, affidandogli l’importante lavoro richiesto da due clienti d’eccezione: la Lego insieme alla Hamleys, la più antica catena di negozi di giocattoli inglese.

“Sono la dimostrazione che chiunque può avvicinarsi ai propri sogni basandosi sulle proprie aspirazioni e forze: un’agenzia estera ha voluto il lavoro di me che sono uno studente, ci ha creduto pensando di poter raggiungere alti livelli. Sono il primo a dire ai ragazzi che si deve intraprendere la strada che più si desidera e non scegliere le facoltà universitarie che si ritengono più sicure dal punto di vista lavorativo ed economico.”

E infatti parlano di lui oggi giornali specializzati, come AD week e ADS of the wordl, sottolineando come da un progetto privato sia nata una campagna ufficiale. E un contratto di tre mesi che vedrà Sodano volare in Cina dal prossimo settembre. Le campagne che ha in mente sono ancora molte altre, a partire da quella non ufficiale della Durex, creata tre anni fa quando ancora era una matricola, ma il cui video ha avuto oltre 32 mila visualizzazioni su Youtube. Scambiata anche questa per ufficiale, sarà ripresa e migliorata. Sperando diventi ufficiale.

E poi sono bellissime le creazioni come Nuovi eredi, in cui i volti delle pop star di oggi sono costituiti da miriadi di piccoli ritratti di altre icone del rock, oppure altre pubblicità non ufficiali, dalla Barilla a Pantone a Vespa, tutte online.

Speriamo che anche le agenzie e i grandi marchi italiani, e non solo quelli stranieri, si accorgano di lui e di quanto potrebbe fare per il made in Italy.

tratto da bluecult.it