L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Saturday, Aug 19th

Ultimo aggiornamento:09:15:33 AM GMT

Tu sei qui: RUBRICHE MUSICA Ci scrivono dall'Argentina: "Il Volo e Piero Barone mi hanno lasciato ricordo indelebile"

Ci scrivono dall'Argentina: "Il Volo e Piero Barone mi hanno lasciato ricordo indelebile"

E-mail Stampa PDF

Ci scrive un lettore, originario dell'Abruzzo, ma che vive in Argentina da anni. Gabriel, questo il nome dell'autore dell'articolo che vi proponiamo di seguito, si è rivisto in un video che abbiamo pubblicato a corredo di un articolo sui tre tenori de "Il Volo" che abbiamo pubblicato mesi fa ed ha pensato di scrivere per raccontarci di quella serata.

Ricordiamo che l'agrigentino originario di Naro, Piero Barone, è uno dei componenti del famoso gruppo, ormai famoso in tutto il mondo; i ragazzi de "Il Volo" sono gli unici cantanti italiani nella storia della musica internazionale ad avere stipulato un contratto con l'americana Universal Music e nel dicembre scorso sono stati ospiti d'onore alla consegna dei premi Nobel.

Ecco il testo dell'articolo di Gabriel Di Giovanni:

"Pochi sanno dello show non ufficiale messo su da “Il volo” in Argentina. Ovviamente non mi riferisco a quello di lawn tennis, ma a quello ben più intimo e vero presso l’hotel Sheraton, in cui alloggiavano.

Proprio qui, insieme ad una decina di fans, Gianluca si è messo a cantare, mentre Ignazio saltava da una poltrona all’altra dell’ingresso, alternando qualche passo di tango e Piero chiacchierava al cellulare con mio fratello ed i parenti di altri fans. Dopo cinque ore di risa incessanti, balli (e qualche bacio..), lo show di lawn tennis anche se incredibile, quasi sembrava solo un concerto da dvd.

Alle quattro del mattino, mentre mi trovavo con Gianluca su un divano a chiacchierare di alcuni dettagli del concerto, mi sono reso conto che questi tre ragazzi, anche se abituati alla routine del tour (spettacolo, aeroporti e hotel di lusso) sono rimasti semplici ed innocenti, insomma ragazzi come me, come noi. Ridevamo per le stesse cose, ci piacevano le stesse ragazze e da piccoli guardavamo gli stessi cartoni.

Io non sono un giornalista, ma un comune fan; ho semplicemente avuto la fortuna di sedermi al pianoforte e suonare “Il mondo”, mentre Gianluca mi accompagnava con la sua voce. Niente di più.

Sempre ringrazierò colui che ha registrato quel bellissimo momento, regalandomi un “ricordo digitale” di quella magica e semplice atmosfera, che, attraverso il giornale L'Altra Agrigento, è arrivato fino a voi.

Volete però sapere delle chicche che il video non svela? Mentre io, Gianluca ed Ignazio stavamo cantando, Piero è sceso dalla sua stanza con un pantaloncino molto spiritoso e con le infradito, ha chiesto una sprite con il limone e si è messo a parlare al cellulare con tutti i parenti dei fans presenti.

Dopo di che Ignazio, circondato da belle ragazze (molte e sempre), improvvisava due passi di tango, faceva delle battute, imitava i famosi o saltava da una poltrona all’altra. Non importava cosa facesse, sempre era attorniato da molte ragazze e le faceva ridere.

Gianluca invece, con la sua aria più seria e umile, sembrava il più adulto dei tre. Il grande seduttore: si sedeva a parlare nella poltrona con una ragazza alla volta e loro non riuscivano a staccargli gli occhi di dosso. Sono rimasti varie ore lì con noi.

Erano presenti anche i genitori di Gianluca e Piero, hanno chiacchierato con noi, sempre a disposizione e così gentili da offrire il pernottamento ad alcuni fans in caso non avessero alloggio.

La bella e inaspettata serata volse al termine con i ragazzi che regalarono un paio di baci a delle fortunate lì presenti e ci salutarono con un “buenas noches…”, a poche ore dalla partenza del volo che li avrebbe portati a San Paolo.

E’ difficile poter spiegare la sensazione che si prova nel conoscere e trascorrere dei momenti così semplici e magici allo stesso tempo, con delle persone che uno conosceva solo tramite video di youtube..è qualcosa di unico che non dimenticherò mai.

Grazie Ignazio, Gianluca e Piero per avermi regalato questo ricordo indelebile e grazie al destino per avermi riservato una serata così unica ed inaspettata".