L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Wednesday, Oct 18th

Ultimo aggiornamento:09:15:33 AM GMT

Tu sei qui: APPROFONDIMENTI INCHIESTE Politici siciliani: che faccia tosta!

Politici siciliani: che faccia tosta!

Ecco chi dovrebbe governarci. Di seguito un elenco di personalià politiche che, nonostante processi e condanne, hanno il coraggio di presentarsi davanti gli elettori.


Questi candidati appoggiano il candidato presidente Nello Musumeci:


Santo Catalano, patteggiamento della pena per abuso edilizio.

Giuseppe Drago, condanna definitiva per peculato.

Pippo Gianni, arrestato per concussione e condannato a 3 anni in primo grado.

Giuseppe Buzzanca, condannato a 6 mesi per peculato.

Salvino Caputo, condannato per tentato abuso d’ufficio.

Roberto Corona, indagato per truffa.

Girolamo Fazio, condannato per violenza privata.

Non candidati ma che fanno politica attiva:

Saverio Romano, ex ministro, assolto dall’accusa di concorso esterno per associazione mafiosa, ma indagato per corruzione; Antonello Antinoro, condannato in primo grado per voto di scambio, Giovanni Cristaudo che ha patteggiato una pena per abuso d’ufficio e falso, Fausto Fagone e Rudy Maira, indagato per associazione a delinquere.

Questi appoggiano il candidato presidente Rosario Crocetta:


Marco Forzese, indagato per le assunzioni facili al comune di Catania.

Pippo Nicotra, sindaco di Aci Catena durante lo scioglimento per mafia negli anni ’90.

Gianni Pompeo, indagato per affidamenti diretti.

Nino Dina, considerato il tramite tra Cuffaro e Aiello

Giuseppe Spata, condannato in primo grado per abuso d’ufficio.

D’Antoni Orazio, condannato in appello.

Giacomo Scala, indagato per abuso d’ufficio.

Elio Galvano e Salvatore Termine, indagati per falso in bilancio.

Non candidati ma fanno politica attiva:
Giulia Adamo, condannata a risarcire diverse migliaia di euro per proroghe di incarichi, così come David Costa, arrestato con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa o di Giuseppe Naro, rinviato a giudizio per finanziamento illecito ai partiti.

Questi appoggiano il candidato presidente Gianfranco Miccichè:

Giuseppe Arena, condannato (insieme all’ex sindaco di Catania Umberto Scapagnini) in primo grado per falso in bilancio.

Mario Briguglio, indagato per l’alluvione di Scaletta (ME).

Mario Bonomo, indagato per concussione.

Fabio Mancuso, arrestato per bancarotta.

Riccardo Minardo, arrestato per associazione a delinquere, truffa aggravata.

Franco Mineo, indagato per intestazione fittizia di beni e abuso d’ufficio.

Non candidati ma che fanno politica attiva:

Raffaele Lombardo e Pippo Gennuso, indagato per concorso in falso.