L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Tuesday, Nov 13th

Ultimo aggiornamento:12:06:48 PM GMT

Tu sei qui: APPROFONDIMENTI SPECIALI Asi, Cicero e Venturi querelano Moncada, Catuara, Casesa e Callari: "mendacità e falsità"

Asi, Cicero e Venturi querelano Moncada, Catuara, Casesa e Callari: "mendacità e falsità"

E-mail Stampa PDF

L'Assessore regionale per le Attività produttive, Marco Venturi, e Alfonso Cicero, ex commissario straordinario dell'Asi di Agrigento, hanno depositato in data odierna presso il comando della Guardia di Finanza di Agrigento una querela per diffamazione nei confronti dell'imprenditore Salvatore Moncada e dell'ex presidente dell'Asi di Agrigento, Stefano Catuara.

Inoltre, Cicero - in atto capo della segreteria particolare di Venturi - ha querelato Antonino Casesa e Salvatore Callari entrambi ex dirigenti del Consorzio Asi agrigentino.

Venturi e Cicero ritengono che i suddetti soggetti, diffondendo smisurate falsità, gravi illazioni e una miriade di infondatezze, sono responsabili di condotte diffamatorie consistite nell'offendere la reputazione a mezzo della stampa.

"La gravissima e scandalosa situazione dell'Asi di Agrigento, attestata da atti inoppugnabili, discende - è la tesi sostenuta - da precise ed estese responsabilità che non possono essere stravolte diffondendo mendacità, perpetrando illazioni e aggredendo con la diffamazione la reputazione degli altri". L'antica e abusata tattica di tentare di confondere l'opinione pubblica appare a dir poco sterile, anzi risulta peggiore di arrampicarsi sugli specchi.

"Le molteplici falsità e la totale distorsione dei fatti, diffusi in perfetta malafede all'opinione pubblica, non reggono per nulla - concludono - innanzi alle nette responsabilità di vaste e gravi proporzioni facilmente riscontrabili da una mole enorme di atti pubblici del Consorzio Asi di Agigento doverosamente sottoposta dall'ex gestione commissariale alle autorità giudiziarie per i diversi profili di reati".
Venturi e Cicero annunciano inoltre che entrambi si costituiranno come parte civile anche per i relativi risarcimenti.