L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Wednesday, Oct 16th

Ultimo aggiornamento:02:38:35 PM GMT

Tu sei qui: APPROFONDIMENTI DOSSIER Le mani di Acoset sull'acqua

Le mani di Acoset sull'acqua

Tratto dal mensile L'Altra Agrigento di maggio 2009

 

Nella compagine di “Girgenti Acque” fanno parte otto imprese tra cui il Voltano, il gruppo Campione, la “Delta Ingegneria”srl e la “Galva” del gruppo Pisante.Ma la “madre” di tutto come detto è l’”Acoset”, azienda speciale presieduta dal geometra Giuseppe Giuffrida, sorta per la gestione idrica di venti comuni etnei; la società catanese è riuscita ad avere voce in capitolo nelle decisioni che più contano nell’isola e soprattutto nell’agrigentino dove è stata capace di mettere le mani sull’affare idrico con la forte condivisione di buona parte degli industriali locali, del direttore generale in Sicilia dell’Agenzia regionale per i rifiuti e le acque, Felice Crosta e del presidente della Regione, Salvatore Cuffaro.


Negli ultimi anni è stata l centro di tante polemiche e contestazioni da parte di comitati di cittadini ed enti che hano sempre sostenuto e denunciato, oltre a sproporzionati aummenti, le carenze di controllo. Il caso più emblematico è datato 2006 quando, in diversi centri etnei, sono stati evidenziati alte concentrazioni di vanadio nocive alla salute.


La Confesercenti di Catania è intervenuta con esposti ad autorità competenti e al Ministero della Salute; il comune di Mascalucia ha aperto un contenzioso negando la potabilità dell’acque; per la mancata erogazione in alcuni centri, l’azienda è stata censurata dal Codacons. Tanti “incidenti” di percorso per una società che può contare su poteri forti.


Da capofila della “Girgenti Acque” ha sbaragliato società italiane ed estere, come Aqualia, e ha puntato anche in provincia di Ragusa con un raggruppamento d’imprese che comprendeva la Banca agricola popolare di Ragusa vero potere finanziario del sudest siciliano, una presenza di rilievo economico.


Del Voltano e del gruppo Campione si conoscono le vicende un po’ meno della “Delta Ingegneria” e della “Galva” del gruppo Pisante; la prima è una società agrigentina a responsabilità limitata. Sede legale in via Artemide 3 ad Agrigento mentre quella operativa è in piazza Cavour a Favara; l’ing. Maurizio Carlino è l’amministratore unico e direttore tecnico mentre l’ing. Nicola D’Alessandro è il direttore tecnico.


I responsabili di settore sono l’ing. Maurizio Carlino per idraulica, l’ing. Nicola D’Alessandro per la progettazione stradale, il geologo Massimo Carlino per la geologia, l’arch. Carmelo Carlino per la pianificazione, architettura e restauro, l’ing. Giuseppe Ferraro per l’ingegneria strutturale e gli ingegneri Nicola D’Alessandro (63) per l’ambiente e Nicola D’Alessandro (62) per la geotecnica.


La “Delta Ingegneria” s.r.l. è stata costituita nel 2003 dall’aggregazione di un gruppo di professionisti che, in forma singola e associata, hanno operato per più di un trentennio nel campo dell’ingegneria infrastrutturale civile accumulando significative e rilevanti esperienze di progettazione e direzione lavori; in particolare le più significative esperienze sono state maturate, negli ultimi anni, nel settore idraulico e trasporti con la progettazione di importanti opere strategiche. Ne elenchiamo alcune: progettazione definitiva itinerario S.S. 640 Porto Empedocle – Agrigento – Caltanissetta con lo svincolo con la A19 Palermo – Catania committente l’Anas. Si avete letto bene: sono loro ad avere progettato il raddoppio dello scorrimento veloce.


Poi la strada statale 626 Licata – Torrente Braemi, realizzazione lotto 7° e 7°bis compreso il completamento delle opere idrauliche occorrenti; l’incarico per i lavori relativi ai lotti 7° e 8° e al completamento della tangenziale della strada statale Caltanissetta – Gela. In campo idrico ne segnaliamo alcune come la consulenza idraulica specialistica per la gara di selezione del socio privato della “Servizi idrici Etnei spa” committente l’Acoset; per la stessa società di Giuffrida la consulenza specialistica per la gara di selezione del soggetto gestore dell’ATO 9, i lavori di rifacimento dell’acquedotto “Favara” di Burgio e i lavori di ristrutturazione ed automazione per l’ottimizzazione delle reti idriche comuni consorziati (primo stralcio) committente il Comune di Agrigento.