L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Sunday, Sep 15th

Ultimo aggiornamento:09:00:00 PM GMT

Tu sei qui: APPROFONDIMENTI SPECIALI Arnone: "Zambuto ha il babbìo, cancelli subito concessioni inchiesta self service"

Arnone: "Zambuto ha il babbìo, cancelli subito concessioni inchiesta self service"

E-mail Stampa PDF

Il consigliere comunale Giuseppe Arnone è tornato a parlare dell'inchiesta Self Service. "Mi pare" dice Arnone "che il Comune di Agrigento abbia già perso abbastanza tempo nell’adottare i provvedimenti doverosi per cancellare le concessioni o autorizzazioni edilizie relative a ville, palazzi, tombe e quant’altro, in ordine ai fatti di reato individuati nell’Ordinanza cautelare". Arnone accusa il sindaco Zambuto di immobilismo.

Com’è noto, l’Ordinanza cautelare, ampiamente pubblicata dagli organi di informazione e che il sottoscritto, per ragioni professionali, ha già avuto modo di leggere, individua puntualmente una prima serie di atti amministrativi frutto della corruzione e totalmente illegali.

Il sindaco ha posto in essere un incredibile “babbìo”, oggettivamente a tutela dell’illecito e degli interessi di tangentari e tangentisti, omettendo di attivare i provvedimenti di autotutela, finalizzate a tutelare il territorio e a bloccare, con effetto immediato, per la verifica della legittimità, tutti i provvedimenti monitorati nell’Ordinanza Cautelare.

In questo quadro, appare sintomatico il folle provvedimento con il quale è stato rimosso l’ing. Calogero Morreale.

Immediatamente si rende noto al Sindaco che l’art. 116 c.p.p. così recita: “Durante il procedimento… chiunque vi abbia interesse può ottenere il rilascio, a proprie spese, di copie… di singoli atti”. E’ del tutto pacifico che:

a)    Il Comune in questo procedimento è parte offesa;

b)    L’Ordinanza Cautelare non è atto segreto, in quanto in possesso degli indagati;

c)    Il Comune ha l’interesse a ottenere copia dell’Ordinanza cautelare, anche limitatamente alle parti ove è indicata, rispetto a ogni concessione edilizia o autorizzazione, la violazione delle normative poste in essere nel rilascio di detti provvedimenti. E ciò al fine di non consentire lo scempio del territorio, causato da concessioni illegali che darebbero comunque luogo, successivamente, a provvedimenti di demolizione.

In relazione ai doveri previsti dallo Statuto in capo al Direttore Generale – Segretario Generale dell’Ente,  il presente atto viene trasmesso a titolo di sollecito formale, anche a quest’ultimo Dirigente, dott. Carmelo
Burgio, affinchè unitamente al Sindaco si attivi per porre in essere gli atti di sua competenza in relazione all’acquisizione dell’Ordinanza Cautelare e all’annullamento di concessioni e autorizzazioni illegali.

La presente nota viene anche rimessa alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Agrigento, all’attenzione del Procuratore Capo, del Procuratore Aggiunto dott. Fonzo e del PM dott. Sciarretta affinchè, comunque, per impedire le ulteriori conseguenze dei reati, cioè la cementificazione del territorio mediante costruzioni abusive e illegali, assentite illecitamente come evidenziato nell’Ordinanza Cautelare, trasmettano l’Ordinanza medesima alla Parte Offesa Comune di Agrigento, per le iniziative di competenza".