L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Sunday, Sep 15th

Ultimo aggiornamento:09:00:00 PM GMT

Tu sei qui: POLITICA DAI COMUNI Arnone su permessi aree per fruttivendoli e distributori carburanti

Arnone su permessi aree per fruttivendoli e distributori carburanti

E-mail Stampa PDF

"E’ questa la inevitabile domanda che scaturisce dalla vicenda del nuovo distributore di carburanti in via Emporium. Ma anche il continuo scandalo affaristico dell’occupazione di aree pubbliche da parte dei rivenditori di ortofrutta". Il consigliere comunale Giuseppe Arnone attacca l'amministrazione contestando alcuni punti da lui chiariti in una nota stampa.
"La palese e costante violazione di norme, con la probabile complicità di pezzi deviati della burocrazia comunali, impone tutte le doverose riflessioni in ordine alla attuale incapacità dei vertici comunali di garantire il rispetto della legge e i diritti dei cittadini" tuona ancora Arnone nel comunicato.

"In questo momento Agrigento ha un sindaco? Una domanda tanto doverosa quanto drammatica, se consideriamo che proprio il vertice dell’Urbanistica nominato dal Sindaco è ritenuto capo di un’associazione per delinquere ed è colpito da misura cautelare.

Domanda che viene ad avere una risposta quasi obbligata – negativa, nel senso che questa città appare priva di sindaco – se guardiamo ciò che avviene per le vie cittadine, cioè la costante violazione di leggi a fini di lucro illegale, ad esempio da parte dei commercianti di frutta, che ormai pensano di essere divenuti i padroni delle strade e delle vie di Agrigento, e possono persino permettersi di deridere i Vigili Urbani che hanno firmato fior di rapporti che vengono “insabbiati” da funzionari probabilmente corrotti o comunque dediti a tutelare l’affarismo illecito, con evidenza asserviti a tali interessi criminali.

Per quanto mi riguarda, ritengo che la vicenda del distributore di carburanti rappresenti una battaglia – simbolo per il ripristino delle regole al Comune di Agrigento, per far venir meno quel regime di “normalità della corruzione” e di assoluta impunità di cui ha scritto il GIP Davico nei provvedimenti di cattura dei funzionari comunali nell’ambito dell’inchiesta “Self Service”.

Questa mattina, nell’ambito della battaglia per la legalità concernente la realizzazione di detto distributore:

a)    ho investito il Comandante della Polizia Municipale e l’intero Corpo, in ordine ai controlli da porre in essere relativamente a detto impianto e alla sua palese difformità dal P.R.G.;

b)    ho richiesto al Presidente del Consiglio Comunale di inserire uno specifico punto all’O.d.G. del Consiglio Comunale, onde procedere alla verifica di conformità alle norme dell’impianto in questione.
Per il rilievo della presente nota, viene anche inviata, a mezzo fax, al Sig. Procuratore della Repubblica, affinchè abbia contezza dei fatti sopra riassunti.

Si allega:
1)    richiesta VV.UU.
2)    richiesta inserimento punto O.d.G. Consiglio Comunale
Agrigento, 14 dicembre 2011
Avv. Giuseppe Arnone
Consigliere Comunale P.D.

ALLEGATO 1

NOTA A POLIZIA MUNICIPALE - 14.12.2011

per tramite dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio Comunale:

Al Sig. Comandante della Polizia Municipale
Al Sig. Sindaco
p.c.     Al Sig. Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Agrigento
OGGETTO:     Realizzazione distributore di carburanti difforme dalle norme urbanistiche. Richiesta attivazione urgente Comando dei Vigili Urbani.

Si chiede a codesto Comandante della Polizia Municipale, nella qualità di vertice di una struttura che ha compiti di Polizia Giudiziaria e compiti di controllo e tutela preventiva rispetto ai danni che vengono arrecati al territorio, di attivarsi, con la massima urgenza, al fine di impedire il proseguimento di attività notevolmente illecite, con grave nocumento per l’ambiente e il territorio agrigentino, attività notevolmente illecite consistenti nella realizzazione di un nuovo impianto di distribuzione di carburanti, in palese e stridente contrasto con le previsioni del Piano Regolatore del Comune di Agrigento.

Il Piano Regolatore, infatti, come può agevolmente verificarsi sullo stesso sito del Comune, prevede da un lato il vincolo del “Verde attrezzato” nell’area interessata alla realizzazione dell’impianto per carburanti, dall’altro il medesimo P.R.G. prevede, esplicitamente, che detti impianti vengano allocati in specifiche aree all’uopo predestinate, tra cui non appare rientrare l’area in questione.

Si evidenzia al Sig. Comandante della Polizia Municipale che il silenzio che caratterizza la vicenda in questione appare essere funzionale a porre le Autorità innanzi al “fatto compiuto”.

Non si manca di evidenziare, ancora, che i fenomeni tangentizi recentemente disvelati consentono di “leggere” in una luce certamente ed ampiamente sospetta tutta la vicenda che qui si richiama, vicenda che vede coinvolti interessi economici per milioni di euro, in stridente contrasto con l’interesse pubblico.

Si chiede cortesemente a codesta Autorità di Polizia Locale di evidenziare, nei tempi che la gravità dei fatti richiede, la situazione sopra esposta sia al Sindaco di Agrigento, sia al Sig. Procuratore della Repubblica, possibilmente previa acquisizione di relazione da parte dei settori Urbanistica e Attività Produttive di questo Comune.

E, all’uopo, si evidenzia che l’impianto di che trattasi è inserito in una eventuale pianificazione degli impianti di distribuzione carburanti, di cui il sottoscritto non ha comunque contezza.

Nel rimarcare l’urgenza della presente vicenda, si evidenzia che il Consiglio Comunale di Agrigento non ha mai pianificato e deciso l’allocazione di impianti di carburanti in detta zona.

Tanto si rassegna, e si chiede al Comando dei Vigili Urbani di attivarsi conseguentemente nei termini sopra esposti.

Agrigento, 14 dicembre 2011

Avv. Giuseppe Arnone

Consigliere Comunale P.D.

ALLEGATO 2

RICHIESTA O.D.G. PRES. CONSIGLIO COMUNALE - 14.12.2011


Al Sig. Presidente del Consiglio Comunale

OGGETTO:     Richiesta inserimento seguente punto O.d.G. dei Lavori del Consiglio: “verifica urgente correttezza iter autorizzativo impianto distribuzione carburanti in via Emporium. Conformità dello stesso con le previsioni urbanistiche di cui al vigente P.R.G.”.

Appare importante e urgente verificare la conformità dell’impianto indicato in oggetto alla normativa di settore e, innanzitutto, alle previsioni urbanistiche.
Allo scrivente appare assurdo che si possa realizzare un simile impianto, dal notevolissimo impatto – urbanistico e ambientale – in assenza di alcuna specifica previsione urbanistica approvata dal competente Consiglio Comunale.
Allego, per completezza, le due note da me già formulate, rispettivamente in data 12.12.2011 e 14.12.2011 e chiedo che, con cortese urgenza, la Presidenza provveda a richiedere ai competenti Uffici tutti gli atti, le certificazioni e le attestazioni, i pareri e le istruttorie, nessuna esclusa, relative a detto iter.

Agrigento, 14 dicembre 2011
Avv. Giuseppe Arnone
Consigliere Comunale P.D.