L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Sunday, Sep 15th

Ultimo aggiornamento:09:00:00 PM GMT

Tu sei qui: APPROFONDIMENTI SPECIALI Arnone sfida la Eccelso; "confronto in tv, con moderatore Castaldo". Quest'ultimo replica: "è scappato come un coniglio"

Arnone sfida la Eccelso; "confronto in tv, con moderatore Castaldo". Quest'ultimo replica: "è scappato come un coniglio"

E-mail Stampa PDF

“Ausilia Eccelso ha fornito agli agrigentini elementi fuorvianti e suggestivi, rispetto al problema dell’inquinamento del mare, infangando ulteriormente e senza giustificazione il mare di S. Leone. Non solo la smentisco, non solo la settimana prossima inviterò i giornalisti ad un contraddittorio, ma sin d’ora invito l’avv. Eccelso ad un confronto televisivo che, per quanto mi riguarda potrà essere moderato anche dal giornalista Franco Castaldo". E' arrivata dopo 24 ore la risposta di Giuseppe Arnone alle critiche poste da Ausilia Eccelso dell'Italia dei Valori sulla problematica del presunto inquinamento del mare di San Leone.
"All’inizio della prossima settimana convocherò una conferenza stampa che avrà per tema la vicenda del “pennello a mare”. Altri impegni, politici e professionali, non mi consentono di farlo prima.

Se le condizioni meteomarine lo permetteranno, tra sabato e domenica, alla presenza di un notaio, porteremo i tecnici del laboratorio di analisi del dott. Vetro a prelevare direttamente i campioni sul tratto di mare ove insiste il famoso “pennello”.

Sin d’ora però è utile che gli avvocati Ausilia Eccelso e Rosa Salvago, e l’intera opinione pubblica, siano al corrente della mia piena disponibilità ad un contraddittorio – confronto televisivo con le due signore avvocatesse. Mi sarà estremamente agevole dimostrare la quantità di mistificazioni, disinformazioni e suggestioni semplicemente dannose per la città di Agrigento, che sono state lanciate nelle loro performances televisive.

In particolare, l’avv. Eccelso, oltre a essere legale come me, è come me esponente politico. Spero non avrà difficoltà a confrontarsi, anche nella sede che riterrà più opportuna. E invito sin d’ora a partecipare al confronto, se vorrà farlo, anche Mimmo Bosio.

Ma, entrando immediatamente e sinteticamente nel merito dei temi che approfondirò in conferenza stampa, evidenzio che:

·     né Ausilia Eccelso, né alcuno dei tecnici e degli scienziati che Ella ha coinvolto, sono stati in grado di fornire uno straccio di prova in ordine a difformità, in termini di inquinamento del mare e di sversamento di liquami, da parte del “pennello” a mare. Con una “furbizia” che lascia senza parole, e ritenendo gli agrigentini “imbecilli di prima scelta”, la signora avv. Eccelso, appunto per confondere le idee, ha sostenuto che il pennello sversa acqua inquinata nella parte terminale del medesimo, cioè a circa tre km di distanza e a circa 20 metri di profondità. E ciò è del tutto ovvio, normale, lecito e non inquinante per le acque di balneazione e per la qualità del mare, perché appunto lo sversamento di quei liquidi è previsto a quella distanza, per utilizzare pienamente le capacità di autodepurazione e dispersione del mare aperto;

·    la Eccelso sostiene ancora che il “pennello” ha avuto una rottura che è stata riparata all’insaputa della Capitaneria di Porto. Dubito che simili interventi di riparazione debbano essere autorizzati dalla Capitaneria di Porto. E comunque, non vedo cosa c’entri questo eventuale aspetto, meramente formale, connesso all’urgenza della riparazione, con l’inquinamento del mare;

·    Ausilia Eccelso si è avvalsa, più che di tecnici, di maghi: solo il mago Merlino può dirci se una saldatura sott’acqua, a parecchi metri di profondità, è stata realizzata a maggio o a luglio . Peraltro, solo dei pazzi potrebbero pensare di effettuare una riparazione non nell’immediatezza dell’evento, bensì dopo due mesi, considerato tra l’altro che la riparazione costerebbe molto di più;

·    E’ possibile, e chiederemo che questo venga verificato, che il “pennello” a mare sia stato collocato in modo non perfettamente coerente con prescrizioni e autorizzazioni. Anche se non se ne comprenderebbe la ragione, visto che le truffe non si realizzano differenziando le latitudini, bensì diminuendo la lunghezza e le qualità del materiale utilizzato. Però, sotto questo aspetto, va ancora una volta rimarcato che esso è estraneo ad ogni fenomeno di inquinamento, perché anche queste eventuali imperfezioni e difformità non provocano scarichi inquinanti: la Eccelso non ha fornito alcun elemento che indichi scarichi o fuoriuscite di liquami sul percorso del pennello, e ciò malgrado le verifiche effettuate sott’acqua;

·     Purtroppo per lei, la Eccelso, nel creare questa enorme confusione, non è riuscita a sfuggire a quella che è la verità “solare” che la definisce bugiarda: il 18 giugno, danneggiando l’immagine di Agrigento, si è inventata di sana pianta una rottura inesistente, fornendo, per suffragare la falsità, foto dell’anno prima, simulando che fossero di quest’anno;

·     La Eccelso, assieme alla collega Salvago, si sono trovate, come si può notare, perfettamente a proprio agio con il giornalista Ruoppolo: si può chiedere a Ruoppolo, o a chiunque altro esse ritengano (per quanto mi riguarda persino a Franco Castaldo), di moderare un confronto tra il sottoscritto e le egregie avvocatesse. O eventualmente tra me e la sola avvocato, esponente politico, Ausilia Eccelso".

E pronta è arrivata anche la contro-risposta del giornalista Franco Castaldo, editore del giornale Grandangolo, tirato in ballo da Arnone: "Giuseppe Arnone, nel comunicato di oggi, mi tira in ballo impropriamente con una spiritosaggine degna di lui affermando che il dibattito con Ausilia Eccelso potrebbe moderarlo "persino Franco Castaldo".

Resto sorpreso perchè l'ultima volta che ho provato a porre una domanda ad Arnone l'ho visto scappare come un coniglio. Sul punto consiglio di vedere il filmato su youtube. Ma non quello "segato" da Teleacras bensì quello messo in rete da www.Grandangoloagrigento.it.
Se Arnone promette che non scapperà prima ancora che io possa fare la prima domanda, potrei valutare l'ipotesi di moderare il dibattito"
conclude Castaldo.