L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Sunday, Sep 15th

Ultimo aggiornamento:09:00:00 PM GMT

Tu sei qui: POLITICA DAI COMUNI Dissalatore, Arnone: "il riscatto è merito nostro non del PdL"

Dissalatore, Arnone: "il riscatto è merito nostro non del PdL"

E-mail Stampa PDF

"Continuano le amenità di Barbera e di tutti gli altri capi e capetti berlusconiani: il governo regionale sta riscattando il dissalatore a seguito delle richieste e delle iniziative di Zambuto e di Arnone. Ed adesso i plausi li prende il pur bravo on. Nino Bosco". Questo il commento del consigliere comunale Giuseppe Arnone che rivendica il merito sul riscatto del dissalatore di Porto Empedocle.

"E’ forse un modo" continua Arnone "per creare confusione e distrarre i cittadini dal disastro dei rifiuti? Il vero plauso a Zambuto va fatto per il contrasto che il Comune, con la ulteriore nomina dell’avv. Faro, sta continuando a porre in essere sul rigassificatore di Porto Empedocle, scelta antimeridionalista del governo nazionale, contraria agli interessi degli agrigentini.

Da mesi, anzi da quasi un anno, sono impegnato per evitare che venisse a perdersi per la città di Agrigento il grande dissalatore di Porto Empedocle, importante fonte aggiuntiva di approvvigionamento idrico.

Con Marco Zambuto e i consiglieri comunali più avvertiti (come si ricorderà, alcuni consiglieri comunali improvvidi come la Galvano e Lauricella si opponevano…) abbiamo sollecitato in tutti i modi l’attenzione del Governo regionale per risolvere il problema.

Personalmente, ho illustrato la questione prima all’assessore Michele Cimino, nella qualità di vicepresidente, e da ultimo all’assessore competente Giosuè Marino. Zambuto si è fatto parte diligente nel richiedere la convocazione di riunioni aventi questo oggetto.

E, alla luce di tutto ciò, fanno solo sorridere i comunicati degli uomini del ministro Alfano, che tentano di prendersi il merito di una scelta che con ogni evidenza va innanzitutto all’attuale governo regionale e quindi a noi che ad Agrigento abbiamo sostenuto questo importante progetto.

E nel quadro degli impegni positivi assunti e mantenuti da Marco Zambuto – pur in una fase di dissenso politico rispetto alle priorità delle alleanze – voglio esprimere, da ambientalista, un convinto plauso al sindaco per la determinazione coraggiosa con la quale, nell’interesse della città, sta contrastando l’impianto di rigassificazione, fortemente voluto dal governo nazionale e dal ministro Stefania Prestigiacomo.

Bene sta facendo il sindaco a costituirsi con l’ottimo avv. Faro, che collaborerà brillantemente con i legali delle associazioni ambientaliste, in primis Daniela Ciancimino, per impedire quest’altra scelta antimeridionale e contraria agli interessi degli agrigentini, oltre che ambientalmente insostenibile" conclude l'ambientalista.