L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Monday, Sep 23rd

Ultimo aggiornamento:09:00:00 PM GMT

Tu sei qui: CULTURA LIBRI E RACCONTI "E’ Primavera arrivano le creature meravigliose" di Margherita Arancio

"E’ Primavera arrivano le creature meravigliose" di Margherita Arancio

E-mail Stampa PDF

La Sicilia, per la sua posizione geografica a cavallo dei due Continenti, Europa ed Africa, e’ la sosta naturale per il flusso migratorio degli uccelli da Nord a Sud e viceversa. Gli uccelli, creature piene di vita, di colori, occupano un posto importante fra  tutti gli esseri viventi.

Per la dolcezza del loro canto per la  varieta’ delle  forme e per la   bellezza del loro piumaggio hanno suscitato sempre interesse. Riempiono i campi, animano i cieli, i laghi, le spiagge e purtroppo anche i carnieri dei cacciatori. Circa  trecentoottanta  specie diverse  fanno parte dell’avifauna Siciliana, solo una parte nasce, cresce si riproduce e muore nella nostra Sicilia.

Come fanno  gli uccelli in volo ad orientarsi? Rispondere e’ molto difficile. Ci sono tante ipotesi: memoria visiva, orientamento con il sole, l’istinto che li aiuta anche in mezzo a fittissimi banchi di nebbia e di notte.

Questi bellissimi pennuti di solito iniziano i loro grandi viaggi se non prima di avere completato la muta delle penne, quindi in Primavera. Viaggiano durante le migrazioni per sesso e per eta’, in primavera i primi ad arrivare sono i maschi adulti, poi le femmine e per ultimi i giovani. Molti sono gli uccelli che da noi vengono solo per svernare, infatti arrivano in autunno e ripartono all’inizio della primavera. Fra questi, i Pivieri, le pavoncelle, i beccaccini, le folaghe, gli svassi e le anatre.

Spesso giovani esemplari passano sulla nostra Isola ad alta quota e non fanno tappa. I nostri cacciatori di Menfi, Sciacca, Gela osservano  spesso; quando li vedono arrivare dal mare i branchi numerosi. Molto importanti, per alcune specie migratorie, sono le riserve che si vedono sorgere in  Sicilia.Anche riserve di caccia dove questo sport viene esercitato (per fortuna) con disciplina e raziocinio. Un patrimonio faunistico Siciliano  che e’ un bene e va’ tutelato.

Margherita Arancio