L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Wednesday, Oct 16th

Ultimo aggiornamento:02:38:35 PM GMT

Tu sei qui: POLITICA DAI COMUNI Crollo di Favara, avviso di garanzia per Domenico Russello: "mi dimetto"

Crollo di Favara, avviso di garanzia per Domenico Russello: "mi dimetto"

E-mail Stampa PDF

Si è dimesso il sindaco di Favara Domenico Russello. L'ex primo cittadino avrebbe rassegnato le dimissioni a seguito dell'avviso di garanzia ricevuto stamani per la vicenda del crollo di via del Carmine che causò la morte di due bambine innocenti.

Russello subito dopo le dimissioni ha dichiarato: "Mi sento profondamente dispiaciuto ed amareggiato, e provo un senso di grande turbamento, ma respingo ogni addebito nei miei confronti e lo dimostrerò davanti all'autorità giudiziaria".

Gli undici avvisi di conclusione delle indagini sono stati notificati, dai carabinieri, oltre che al sindaco di Favara, a due suoi predecessori, Carmelo Vetro, 65 anni, e Lorenzo Airò, 53 anni; al proprietario ed al possessore dell’immobile, Rosalia Presti, 38 anni, e Antonio Noto, 52 anni; a 6 dirigenti ed ex dirigenti dell’Utc di Favara, Giacomo Sorce, 50 anni; Sebastiano Dispenza, 53 anni; Pasquale Amato, 56 anni; Alberto Avenia, 51 anni; Antonio Grova, 48 anni; e Vincenzo Arnone, 53 anni.

Sul caso Russello è intervenuto anche il favarese Giuseppe Arnone, attualmente vicesindaco di Licata: “Nel maggio del 2007 all’atto della candidatura di Russello molti operatori della politica locale non avevano accettato questa imposizione dall’alto da parte di Forza Italia, in quanto ritenevano che ad amministrare una comunità complessa come quella di Favara dovesse essere una figura con una connotazione chiaramente politica.

A denti stretti abbiamo sostenuto e portato alla vittoria l’Avv. Mimmo Russello che ribadisco ottimo professionista, ma lontano dall’ affrontare i problemi quotidiani e governare la città come necessari e il tutto è dimostrato questi quattro anni di legislatura.

Ecco perché da un anno mi sono disinteressato nella mia azione politica di Favara, non perché non abbia a cuore i favaresi, ma perché la politica del non sense non mi appartiene, né mi appassiona; la mia città è scivolata nel baratro politico-amministrativo con pasti e rimpasti e crisi con cadenza trimestrale.

Per la vicenda giudiziaria che coinvolge l’ex Sindaco, credo che si chiarirà tutto nelle sedi competenti e da amministratore gli sono vicino perché per una tragedia, non può pagare un amministratore per i mancati controlli, ecco perché sono convinto dell’estraneità di Russello”.