L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Tuesday, Sep 17th

Ultimo aggiornamento:09:00:00 PM GMT

Tu sei qui: POLITICA DAI COMUNI Arnone: "il sindaco di Ravanusa va rimosso"

Arnone: "il sindaco di Ravanusa va rimosso"

E-mail Stampa PDF

"Chi commette apologia dei propri reati non può fare il Sindaco: Savarino va rimosso. Nelle prossime ore i senatori del PD sottoporranno la questione al ministro Maroni". Questo il commento di Giuseppe Arnone, consigliere comunale del PD, alle recenti dichiarazioni del sindaco di Ravanusa Armando Savarino che aveva detto: "Resto orgoglioso di quello che ho fatto e se anche dovessi essere condannato nei successivi gradi di giudizio non mi sentirò colpevole”. Savarino è stato condannato dal Tribunale di Agrigento assieme ad altre 11 persone per avere truccato tre concorsi all’Asl. Nel corso del processo l’accusa aveva anche esibito un elenco di 800 nomi sequestrato nella segreteria politica della figlia Giusy: accanto ad ogni candidato la “sigla” del deputato che lo raccomandava.

"Nel prendere atto che da tempo il sottoscritto è il principale rappresentante dei valori del Partito Democratico in questa provincia, constatato l’assoluto silenzio del Partito, comunico di essermi già attivato affinchè le istituzioni democratiche avviino le dovute verifiche in ordine alla compatibilità del mantenimento del sindaco di Ravanusa, Armando Savarino alla testa di quel Comune" dice Arnone.

"Certamente vige la presunzione di innocenza, ma le dichiarazioni di Savarino appaiono gravissime, perché costui – dimentico di essere un sindaco della Repubblica Italiana – ritiene incredibilmente di rivendicare pubblicamente i reati commessi nel truccare pubblici concorsi all’interno dell’ASL ove era alto funzionario e con l’evidente finalità di ottenere voti per la elezione della figlia parlamentare regionale.

Tutto ciò è vergognoso e intollerabile. Il Prefetto deve assumere provvedimenti, e già nelle prossime ore, grazie ad un’interpellanza che verrà presentata dal sen. Francesco Ferrante, la vicenda avrà il rilievo che merita, sul tavolo del ministro Roberto Maroni.

O Savarino ha avuto un momento di “smarrimento” e di scarsa serenità – e allora deve chiedere pubblicamente scusa e fare ammenda – oppure deve dimettersi, o ancor meglio dev’essere rimosso, perché è intollerabile avere sindaci che danno luogo ad apologia di reati, invitando in tal modo i propri cittadini alle azioni illecite"
conclude l'avvocato agrigentino.