L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Thursday, Sep 19th

Ultimo aggiornamento:09:00:00 PM GMT

Tu sei qui: Società Cene "Galeotte" al carcere di Volterra. Cuochi e camerieri? I detenuti!

Cene "Galeotte" al carcere di Volterra. Cuochi e camerieri? I detenuti!

E-mail Stampa PDF

Dal 19 novembre 2010 al 24 Giugno 2011 ogni terzo Venerdi’ del mese, il Carcere di Volterra (Toscana) ha aperto le porte al pubblico con le cene “Galeotte”.

 

Una volta entrati nella casa di reclusione (una fortezza Medicea del XV secolo), gli ospiti vengono accolti con un aperitivo, la cena viene servita nella cappella (sconsacrata), trasformata per l’occasione in sala da pranzo con tanto di candele e camerieri dall’impeccabile servizio. I detenuti, circa 30, preparano un ricco menu’ affiancati da rinomati chef, un’esperienza di altissimo valore sociale.

E’ un’esperimento di riabilitazione carceraria perche’  “le cene galeotte” diventano un momento molto importante per i carcerati (che sono li da 30 anni) che grazie  a queste esperienze con gli chef sono riusciti a imparare un mestiere, infatti  otto di loro hanno gia’ trovato un  impiego in noti ristoranti(Inghilterra).

Per la cena si pagano 35 euro a persona dietro prenotazione per un massimo di 100 coperti,  tutto l’incasso delle serate sara’ devoluto alla compagnia   internazionale   “il cuore si scioglie”   che garantisce  cure mediche,  centri di accoglienza, istruzione, opportunita’ di lavoro e adozioni a distanza dal Brasile, Camerum, Filippine, India, Libano, Palestina, Peru’ e Burkina Faso (Africa).

Margherita  Arancio