L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Tuesday, Sep 17th

Ultimo aggiornamento:09:00:00 PM GMT

Tu sei qui: POLITICA DAI COMUNI Trasmissione in tv dei consigli comunali, Arnone: "i consiglieri si tassino"

Trasmissione in tv dei consigli comunali, Arnone: "i consiglieri si tassino"

E-mail Stampa PDF

Il consigliere comunale del Pd Giuseppe Arnone propone il ripristino immediato delle trasmissione tv dei consigli comunali e chiede ai consiglieri di tassarsi sull’ammontare del gettone di presenza, prelevando proprio da questi fondi le somme occorrenti alla trasmissione. “La scelta di rendere pienamente trasparente la politica comunale costituisce un fatto di civiltà e di responsabilità politica. Si deve svolgere il mandato amministrativo nell’interesse dei cittadini, dando ad esso il massimo di pubblicità e trasparenza, e non per fare incetta di gettoni di presenza”.

"E’ venuto il tempo di affrontare, senza più “babbìo”, la questione che riguarda la trasmissione dei Consigli Comunali mediante televisione. La scelta di rendere pienamente trasparente la politica comunale costituisce un fatto di civiltà e di responsabilità politica. Pare, invece, che la gran parte dei consiglieri siano poco interessati a comunicare ai cittadini la propria attività politica per “fare tesoro”, nel senso più letterale del termine, delle somme che vengono introitate a titolo di “gettone di presenza”.

E ha ragione il sindaco Zambuto quando dice che, in un momento di crisi finanziaria come l’attuale, i consigli comunali vanno mandati in tv prelevando le somme occorrenti proprio dall’assai cospicuo ammontare dei gettoni di presenza, che comportano una spesa ben superiore a 10 volte (quasi 20) dell’ammontare dei costi per la trasmissione dei consigli comunali.

“Avevo sollevato, già alcune settimane addietro, senza farne pubblicità, la questione ed avevo sollecitato la Conferenza dei Capigruppo ad attivarsi in tal senso. Evidentemente si preferisce “fare il pieno” dei gettoni di presenza e impedire ai cittadini di conoscere l’attività politica e consiliare.”

“Per quanto mi riguarda, tutto ciò è inaccettabile. Si deve svolgere il mandato amministrativo nell’interesse dei cittadini, dando ad esso il massimo di pubblicità e trasparenza, e non per fare incetta di gettoni di presenza. E oggi affronterò la questione in Consiglio Comunale.”