L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Sunday, Sep 15th

Ultimo aggiornamento:09:00:00 PM GMT

Tu sei qui: POLITICA DAI COMUNI Arnone contro Rocco Forte, "La Stampa" di Torino lo pone tra i 4 principali eco-avvocati

Arnone contro Rocco Forte, "La Stampa" di Torino lo pone tra i 4 principali eco-avvocati

E-mail Stampa PDF

Uno dei maggiori quotidiani nazionali, “La Stampa” di Torino, nel numero in edicola ieri, offre all’avv. Giuseppe Arnone una grande soddisfazione di immagine, dal punto di vista professionale e culturale. “La Stampa”, con un articolo di Antonella Mariotti, dedica un’intera pagina a quelli che individua come i quattro principali “eco – avvocati” d’Italia. Si tratta di Alessandro Amato, di Bari, docente universitario che si è battuto contro “Punta Perotti”, di Vanessa Ranieri di Roma, impegnata contro la discarica di Malagrotta e il termovalorizzatore di Colleferro, Paola Brambilla, lombarda, impegnata tra l’altro nella difesa dello Stelvio, e dell’agrigentino Giuseppe Arnone.

Il paginone, corredato da foto dei quattro avvocati e, per quanto riguarda Arnone, anche della foto del cemento abusivo dell’Ancipa e della piana del Fiume Verdura, ricostruisce le storie di questi avvocati, definendole “Storie di vita tra faldoni e passione. Dagli orrori edilizi al traffico dei rifiuti. Chi sono i paladini dell’ambiente che lottano per la legalità”.

Giuseppe Arnone ha dichiarato: “Provo grande orgoglio per questa attenzione attribuitami da un così importante organo di informazione, diffuso soprattutto al Nord Italia. E dedico questo successo di immagine e professionale proprio a tutti gli agrigentini che risiedono al Nord Italia e che spesso soffrono per la scarsa considerazione di cui gode la nostra gente. In questo caso, invece, si può essere soddisfatti del valore positivo che deriva dall’articolo de La Stampa a tutti gli agrigentini. Mi pare pure importante che un giornale come LA STAMPA, tra Rocco Forte e le sue difese degli abusi edilizi e delle illegalità e le battaglie di Giuseppe Arnone e degli ambientalisti, scelga, senza titubanza alcuna, questi ultimi.