L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Wednesday, Oct 16th

Ultimo aggiornamento:02:38:35 PM GMT

Tu sei qui: CULTURA LIBRI E RACCONTI Sarà presentato sabato prossimo il libro-inchiesta "La Zavorra" di Lauria e Del Mercato

Sarà presentato sabato prossimo il libro-inchiesta "La Zavorra" di Lauria e Del Mercato

E-mail Stampa PDF

Sarà presentato al Museo Archeologico San Nicola di Agrigento il prossimo sabato, 29 gennaio alle ore 17 il libro-inchiesta "La Zavorra" di Emanuele Lauria e Enrico Del Mercato. Ne discuteranno con gli autori Angelo Capodicasa, deputato nazionale del Pd e Michele Cimino, deputato regionale di Forza del Sud. Il confronto sarà introdotto da Salvatore Palillo, presidente Unione giuristi cattolici e moderato dal giornalista di Teleacras Carmelo Lazzaro.

La pubblicazione spiega fatti e misfatti perpetrati negli uffici della Regione Siciliana. Il giornalista Gian Antonio Stella che ha curato la prefazione del libro ha detto: "il libro di Lauria e Del Mercato è nella scia di quel grande giornalismo meridionale, che, pagando spesso a carissimo prezzo questa scelta, ha dato formidabili esempi di correttezza, capacità professionale, indipendenza di giudizio, onestà intellettuale nel raccontare tutte le cose che non vanno proprio in nome dell'amore per la propria terra".

Ed ecco la prefazione di "La Zavorra" a cura di Stella per un libro tutto da leggere:

- La Regione Sicilia conta 3.500 geometri e ingegneri assunti 23 anni fa per il disbrigo di pratiche di sanatoria che non sono mai state esaminate; ha un parlamento i cui membri si fregiano del titolo di onorevole e guadagnano quanto i senatori della Repubblica, con un bonus da 6.400 euro annui spettante agli ex deputati a titolo di aggiornamento culturale; permette che gli amministrativi vadano in pensione anticipata anche con meno di 25 anni di servizio, guadagnando una cifra fino al 108 per cento dell’ultimo stipendio; concede all’ex segretario generale di mettersi a riposo a 47 anni per accudire il papà malato e subito dopo gli consente di fare l’assessore regionale; ammette che l’ex presidente dell’agenzia per i rifiuti, con i suoi 41.300 euro al mese – 1.358 al giorno –, si guadagni la palma di pensionato pubblico più ricco d’Italia: una cifra dietro l’altra, una pagina dietro l’altra, ed ecco ricostruito nel dettaglio il caso-scandalo della Regione Sicilia a cominciare dal 1946, con la creazione dello Statuto autonomista, fino ai giorni nostri. La Sicilia è di fatto la prima forma di federalismo e la più avanzata finora esistente in Italia con competenze esclusive in tema di tasse, personale, urbanistica, perfino di ordine pubblico. Una autonomia speciale indicata come esempio anche dalla Lega che ha prodotto negli anni una incredibile macchina che divora soldi e produce privilegi altrove sconosciuti -.