L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Thursday, Sep 19th

Ultimo aggiornamento:09:00:00 PM GMT

Tu sei qui: ALTRE NOTIZIE NOTIZIE DALL'ITALIA Mafia, Alfano: "Lottare per la libertà d’informazione è priorità"

Mafia, Alfano: "Lottare per la libertà d’informazione è priorità"

Il giornalista Spampinato appartiene a quella categoria dimenticata da troppi, e soprattutto dai colleghi: i giornalisti ammazzati dalla mafia, che hanno pagato per il proprio coraggio nel denunciare le malefatte del potere eversivo”. Con queste parole Sonia Alfano, responsabile nazionale del dipartimento antimafia di Italia dei Valori e Presidente dell’Associazione Nazionale Familiari Vittime di Mafia, ricorda l’anniversario dell’uccisione del giornalista Giovanni Spampinato, avvenuta a Ragusa il 27 ottobre del 1972.
Celebrare l’anniversario dell’assassinio di un cronista appassionato e preciso come Giovanni Spampinato, oggi, è particolarmente doloroso: l’Italia si trova infatti al cinquantesimo posto nell’ultima classifica di Rsf – sottolinea – a parimerito con il Burkina Faso e dietro paesi come Ghana e Tanzania. Un dato inquietante per un Paese occidentale abituato ad agitare la bandiera della democrazia in ogni occasione”.
Nel 2010, purtroppo, i pochi cronisti coraggiosi si trovano abbandonati dallo Stato e da colleghi che hanno scelto la via dell’asservimento al potere. Questo – prosegue Alfano – è il vero problema, e per questo bisogna continuare a lottare per la libertà d’informazione. Durante l’ultimo anno – conclude l’europarlamentare – il fenomeno delle minacce ai giornalisti è aumentato del 100%: numeri allarmanti che non lasciano ben sperare”.