L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Wednesday, Oct 16th

Ultimo aggiornamento:02:38:35 PM GMT

Tu sei qui: APPROFONDIMENTI INCHIESTE Politici nazionali agrigentini: la nostra provincia ha bisogno di loro ma non c’è più sordo di chi non vuol sentire, leggere per credere

Politici nazionali agrigentini: la nostra provincia ha bisogno di loro ma non c’è più sordo di chi non vuol sentire, leggere per credere

Abbiamo lanciato qualche settimana fa un sondaggio sul nostro sito ed abbiamo chiesto ai nostri lettori chi secondo loro tra ministro, deputati e senatori della provincia di Agrigento si sia speso ed impegnato per il bene della collettività agrigentina.

Un preoccupante 67,6% ha votato con un inequivocabile "Nessuno tra questi" che testimonia la sfiducia nei confronti della deputazione nazionale da parte della cittadinanza, segue con il 18,4% il deputato del Pd Angelo Capodicasa primo votato del sondaggio, Giuseppe Ruvolo (UDC) e il senatore Benedetto Adragna (Pd) che si attestano a pari merito al secondo posto con un 5,1%, Totò Cuffaro (UDC) con un misero 1,5% e via via gli altri con poco più dello 0,5%, deludenti, infatti, i voti per il ministro Alfano (PDL), Lillo Mannino (UDC) e Vincenzo Fontana (PDL). Chiudono Pippo Scalia (PDL) e Giuseppe Marinello (PDL) con un eloquente 0% (zero, nessun voto).

Non è tanto il dato del sondaggio che dovrebbe far riflettere (appena 200 sono stati i votanti per il sondaggio) ma il fatto che la tendenza dei cittadini è quella di non credere più a certi valori e a certi personaggi della politica locale. Ma il dato, pur relativamente e statisticamente non rilevante, riflette la realtà e la sensazione della gente? Siamo andati ad indagare nei siti internet istituzionali della Camera de Deputati e del Senato della Repubblica per leggere i disegni e le proposte di legge, le iniziative, relazioni, mozioni, interpellanze ed interrogazioni che riguardano i signori citati poco prima, e ne abbiamo scoperto delle belle (o delle brutte). Ricordiamo che i deputati guadagnano circa 15 mila euro mensili netti (lordi sono circa 28 mila) ed usufruiscono di tessere per la libera circolazione autostradale, ferroviaria, marittima ed aerea per i trasferimenti sul territorio nazionale. Tratteremo l’argomento a puntate.

Nel primo numero vedremo solo alcuni dei protagonisti della politica nazionale eletti nella circoscrizione di Agrigento alla Camera dei Deputati. Cominciamo dall'aragonese Pippo Scalia, deputato del PDL area AN, diplomato all'istituto tecnico commerciale ed imprenditore è componente della 8° Commissione (Ambiente, Territorio  e  Lavori Pubblici). Non ha presentato nemmeno una proposta di legge come primo firmatario (cioè colui che studia e sottopone al giudizio dei colleghi di partito (cofirmatari) una legge) mentre è recordman dei cofirmatari. Scalia in due anni si è preoccupato di cofirmare (dunque leggi proposte da altri suoi colleghi di partito) un divieto di utilizzo delle apparecchiature generanti raggi ultravioletti a scopo estetico da parte di soggetti minorenni; di modificare sempre come cofirmatario alcuni articoli di legge che riguardano i settori tessile, dell'abbigliamento e calzaturiero (la nostra provincia è piena di fabbriche del genere...), alcune disposizioni in materia di prostituzione, o di modificare l'articolo 12 della Costituzione che concerne il riconoscimento della lingua italiana quale lingua ufficiale della Repubblica!, ed ancora disposizioni in materia di protezione degli animali.

Scalia è recordman, in negativo, anche per quello che riguarda le mozioni, risoluzioni, interpellanze e interrogazioni. Il risultato è sconcertante: zero! Ad onor del vero l'onorevole Scalia è primo firmatario di un ordine del giorno datato 20/05/2009 sugli "aiuti di Stato per incentivare gli investimenti privati nel settore delle energie rinnovabili e della tutela dell'ambiente". Non si segnalano interventi in Assemblea o in Commissione. Veramente impegnato. Complimenti dai quattrocento mila abitanti della nostra provincia.

Passiamo a Vincenzo Fontana, Pdl, ex presidente della Provincia di Agrigento è medico chirurgo con specializzazione in chirurgia vascolare e chirurgia generale. Inoltre è Direttore dell'Unità Operativa di chirurgia d'urgenza ed accettazione sanitaria dell'ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. E' Componente degli organi parlamentari della 6° Commissione Finanze dal 21/05/2008 in sostituzione del Ministro senza portafoglio per l'attuazione del programma di Governo Rotondi Gianfranco e dell'undicesima Commissione (Lavoro pubblico e privato).

Fontana ha presentato una proposta di legge come primo firmatario trattasi della "Delega al Governo per l'emanazione di un codice di procedura per i giudizi innanzi alla Corte dei conti (presentata il 20 maggio 2009 e attualmente in fase di Iter poichè assegnato alla II Commissione Giustizia). Le proposte di legge presentate come cofirmatario invece sono molte (un centinaio circa) per la maggior parte inerenti l'attività di medico del dottor Fontana e che riguardano i malati terminali, sull'oncologia, su malattie infantili, salute mentale, ecc..

Tra le proposte cofirmate da Fontana segnaliamo l'Istituzione della 'Giornata della memoria delle vittime del comunismo, disposizioni per la tutela dell'ambiente marino, divieto di fumare durante la guida, riduzione al 4 per cento dell'aliquota dell'imposta sul valore aggiunto relativa a prestazioni, servizi e prodotti di natura turistico -alberghiera, misure per la promozione del turismo archeologico, norme per la graduale dismissione dell'uso di animali da parte dei circhi e per il sostegno dello spettacolo circense e la concessione di un contributo straordinario in favore del comune di Lampedusa e Linosa per affrontare l'emergenza derivante dall'afflusso straordinario di immigrati  extracomunitari.

Inoltre una interpellanza urgente come primo firmatario riguardante l'urgenza per le vie di fuga al centro storico di Agrigento poichè "non sono più rinviabili gli interventi di cui necessita il centro storico di Agrigento per la realizzazione di una via di fuga che possa mettere in sicurezza un'ampia area della parte antica della città, che versa in condizioni di grave degrado nonostante la presenza di manufatti di notevole pregio storico, artistico e monumentale"; un'altra per far sapere che "la realizzazione dell'aeroporto della provincia di Agrigento è assolutamente indispensabile per colmare l'isolamento di tutta l'area centro-meridionale della Sicilia e a tal fine è stato già disposto dalla Regione siciliana un finanziamento di 35 milioni di euro, mentre la provincia regionale di Agrigento è stata indicata come soggetto attuatore dell'opera”; che "sussiste uno stato di allerta permanente nel territorio di Licata, a seguito delle forti ed intense piogge di questi giorni, alcune misure sono state già adottate dal sindaco, insieme ai rappresentanti della Protezione civile e ai tecnici del comune, dove è stata istituita l'unità di crisi"; una sul “perchè di un allungamento dell'aeroporto di Boccadifalco a Palermo e "se in questo caso non si ritenga che, a prescindere dal merito delle obiezioni tecniche, non esiste una precisa volontà dell'ENAC di impedire che possa nascere un aeroporto in provincia di Agrigento";


Calogero Mannino, Udc, 71 anni, laurea in giurisprudenza e in scienze politiche; Avvocato penalista è componente della prima commissione che comprende affari istituzionali, della presidenza del Consiglio e Interni e componente della commissione parlamentare per la semplificazione. Nessuna proposta di legge come primo firmatario. Come cofirmatario segnaliamo, tra gli altri, Istituzione del Programma nazionale di ricerca, sviluppo e applicazione di tecnologie e metodologie per l'adattamento agli effetti dei cambiamenti climatici e degli eventi estremi; Riconoscimento e regolamentazione della medicina omeopatica, dell'agopuntura e della fitoterapia e norme sulla formazione del relativo personale medico; Disciplina dell'acquacoltura biologica; Istituzione e regolamentazione del titolo di esperto in medicina manuale vertebrale;

Istituzione dell'imposta per il servizio pubblico generale radiotelevisivo e disposizioni per il recupero dell'evasione del canone di abbonamento alle radioaudizioni, previsto dal regio decretolegge 21 febbraio 1938, n. 246.Interessante la mozione presentata dall'on. Mannino riguardante gli incentivi per il prezzo del carburante per il  settore della pesca. Nella mozione Mannino cita "manifestazioni delle marinerie di Sciacca, Porto Empedocle, Lampedusa, Mazara e Trapani che hanno interessato l'ordine pubblico"; un'altra mozione riguarda la tutela dei vini di Pantelleria però è altresì corretto riferire ai nostri lettori che lo stesso Mannino è proprietario nella stessa isola di una cantina che produce un ottimo passito. In passato è stato coinvolto in una inchiesta per "vino adulterato" e per un presunto indebito finanziamento cospicuo percepito per la realizzazione della stessa cantina a Pantelleria ma Mannino è stato assolto da ogni accusa.

“Ammirevole” una interrogazione a risposta orale presentata da Mannino (ricordiamo nato ad Asmara, Eritrea) su "Il protrarsi di una forte crisi locale, anche in ragione dell'incombenza di un pericolo bellico che periodicamente si rinnova tra l'Eritrea e l'Etiopia, che sta aggravando i già critici problemi di approvvigionamento alimentare delle popolazioni eritree". Ora con tutto il rispetto per la popolazione africana vorremmo chiedere all'on. Mannino se è a conoscenza o meno dei problemi e della forte crisi locale, per molti ai limiti della sopravvivenza, delle famiglie della nostra provincia.

Sarebbe stato bello leggere qualcosa che riguardasse la nostra terra e non solo quella riguardante il luogo natìo dell'onorevole seppur apprezzabile è il pensiero per la grave situazione in cui versano le popolazioni eritree; ed ancora una interrogazione riguardante il licenziamento di quattro impiegate addette alla biglietteria di una compagnia aerea a Palermo, e il perchè essendo venuta meno la compagnia aerea Air-One non si sia proceduto ad una adeguata sostituzione con altra compagnia per la rotta con Lampedusa; alcuni ordini del giorno su richiesta fondi per la Protezione civile, riorganizzazione delle Forze di Polizia, aiuto alle famiglie attraverso dei prestiti agevolati dalle banche, una soluzione economica per compensare i danni da fungo peronospora che hanno sterminato molti vigneti siciliani, e per concludere aiuti alla pesca con contributi speciali. Si registrano numerosi interventi in assemblea e Commissione. Mannino è molto attivo politicamente, sicuramente rispetto ad altri è promosso.

continua...