L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Wednesday, Oct 16th

Ultimo aggiornamento:02:38:35 PM GMT

Tu sei qui: POLITICA DAI COMUNI Casinò internazionale a Lampedusa come risarcimento

Casinò internazionale a Lampedusa come risarcimento

E-mail Stampa PDF

Il Comune di Lampedusa chiede a gran voce l'istituzione di un casinò internazionale nell'isola delle Pelagie attraverso l'assessore Busetta: "Il ministro Frattini è contrario all'immigrazione che arriva a Lampedusa e si ferma - afferma l'assessore al turismo di Lampedusa e Linosa - ma noi siamo contrari anche a quella che arriva a Lampedusa e poi riparte.  L'arcipelago delle Pelagie ha già dato, diventando per anni centro di raccolta per i recuperi che avvenivano anche altrove, addirittura nell'intero Mediterraneo, persino a oltre 150 chilometri di distanza". "Ora - prosegue Busetta - Lampedusa vuole accogliere solo coloro che  arrivano con i  mezzi fino ai suoi territori, ormai poche decine in un anno. Il costo del recupero, assolutamente doveroso, se lo carichi la ricca Europa e non venga più trasferito ad una isoletta del Mediterraneo. L'isola ha pagato un prezzo elevatissimo e quest'anno, grazie alla diversa impostazione del ministro Maroni, sta raccogliendo i frutti di non essere più centro di recupero e di smistamento. Lampedusa ha un trend in crescita nelle presenze turistiche, che la portano ad accogliere più della metà delle presenze della provincia di Agrigento".
"A giugno - conclude l'assessore Busetta - solo per quanto riguarda gli arrivi per  via aerea, vi è stato un incrmento di oltre 1.400 persone.  Lampedusa vuole essere conosciuta per essere luogo di amore, anche nei confronti degli exrtracomunitari, con le spiagge più belle d'italia, con l'isola dei conigli scelta dalla tartarughe caretta caretta per deporre le uova, baciata dai delfini e dalle balene. Vuole essere conosciuta per la sua storia che ne fece centro per il passaggio degli apostoli, come dimostra la necropoli paleocristiano con migliaia di tombe. Oggi il paese e l'Europa devono risarcirla del danno subito negli anni per l'immagine negativa con il permesso di avere un casinò internazionale, vista la vicinanza a Malta e la carenza del fenomeno mafioso. Così come a Campione, a Venezia e a Saint Vincent, che sono ai confini nel nord, anche Lampedusa ai confini del sud, può essere sede di tale impianto in attesa di quella liberalizzazione che faccio del gioco una attività come le altre".