L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Wednesday, Jan 23rd

Ultimo aggiornamento:06:35:22 AM GMT

Tu sei qui: APPROFONDIMENTI DOSSIER Favara, smantellata l'antenna UMTS. Successo del comitato antismog

Favara, smantellata l'antenna UMTS. Successo del comitato antismog

E’ arrivata la gru in via La Marmora a Favara. Mentre scriviamo è in corso lo smantellamento del ripetitore Umts di telefonia mobile. Oggi è un giorno storico per il comitato contro i campi elettromagnetici nei centri abitati, per Favara, per tutti quelli che si sono adoperati a ché questo giorno arrivasse, per la Provincia di Agrigento e per tutti quelli a cui sta a cuore la salute dei cittadini. Questo avvenimento può segnare lo spartiacque che ha visto antenne selvagge sorgere ovunque e un programma di razionalizzazione della materia per la salvaguardia della salute di tutti.

Scriviamo queste righe e ricordiamo a noi stessi e agli altri che questa è anche la vittoria della fondazione “Francesca Di Bernardo” recentemente scomparsa per un male incurabile, nel cui statuto al punto primo recita “la fondazione Francesca Di Bernardo ha lo scopo di prevenire le malattie incurabili”.Poco importa che la normativa vigente, legge Gasparri, consente di installare ripetitori di telefonia mobile anche sopra le culle dei bambini, perché l’elettrosmog, dicono, non nuoce alla salute.

Probabilmente è così, ma se associamo l’azione del campo elettromagnetico a tutti gli agenti di inquinamento ambientale con i quali conviviamo, sicuramente bisognerà convenire che tutte le patologie presenti nel nostro territorio a qualche sintesi di effetti dovrà essere ascritto.
Noi siamo per il progresso e per questo abbiamo speso la nostra vita, ma se questo dovesse nuocere a una sola vita umana lo combatteremo fin dove le nostre forze lo consentiranno, perché una vita stroncata non ha prezzo.
Diciamo questo anche a chi oggi si sente leso nei suoi interessi economici e ci auguriamo che nessuno ci debba ringraziare per avere allontanato dalla propria casa una minaccia di morte.

Professor Giuseppe Alonge