L'Altra Agrigento online

Blog di informazione libera e apartitica

Thursday, Aug 22nd

Ultimo aggiornamento:09:00:00 PM GMT

Tu sei qui: Home

Giallo sulla morte di Antonella Alfano, indagato il compagno carabiniere

E-mail Stampa PDF

Le indagini dell'inchiesta sulla morte di Antonella Alfano, l'agrigentina rimasta vittima di un presunto incidente stradale nei pressi di Via Papa Luciani, sabato scorso ad Agrigento con l'auto, una Seicento, che si è incendiata subito dopo aver finito la sua corsa contro un albero, carbonizzando la donna madre di una bimba di appena dieci mesi, pare siano ad una svolta.

Oggi è stato iscritto nel registro degli indagati il compagno di Antonella, il carabiniere Salvatore Rotolo, per omissione di soccorso. Secondo gli investigatori della Squadra Mobile di Agrigento, coordinati dal sostituto procuratore Giacomo Forte e dal procuratore aggiunto Ignazio Fonzo, Rotolo era presente al momento dell'incidente. Lo stesso carabiniere, pare abbia anche ammesso di trovarsi sul posto al momento dell'incendio che ha divorato la vittima. Secondo indiscrezioni, sembra che il militare si sia avvalso anche della facoltà di non rispondere alle domande dei poliziotti della Squadra Mobile che stanno conducendo le indagini, in attesa dei risultati dell'autopsia sul cadavere di Antonella Alfano.

Inoltre all'uomo sono stati sequestrati il computer, un cellulare, la moto, vestiti ed altro materiale ritenuto utile ai fini delle indagini ed in attesa di avere riscontri certi.

Gli investigatori non avevano notato tracce di frenate sull'asfalto e già questo elemento era giudicato valido per poter pensare che il decesso della donna non sia avvenuto, come pensato in un primo tempo per evitare di prendere in pieno un animale.

Tra le ipotesi al vaglio c'era quella dell'inseguimento da parte di qualcuno ed è proprio per questo che sono stati sentiti dagli investigatori, già da sabato scorso, amici e parenti della vittima.

Gli inquirenti hanno ascoltato i familiari di Antonella che hanno raccontato di alcuni contrasti familiari con il compagno, un carabiniere in servizio.

Ci sarebbe anche un testimone che avrebbe visto qualcosa o qualcuno allontanarsi dal luogo dell'incidente subito dopo l'uscita di strada dell'auto e il conseguente incendio.